L’adolescenza: consigli per genitori disperati


arianna pedone psicologa luceraBenvenuta adolescenza: sono dolori!!!

Ultimamente ho a che fare con genitori disperati che vengono allo studio con i loro figli adolescenti.
Li vedo persi, senza nessuna speranza di riuscire a gestire questi figli che non riconoscono più.
Dottoressa era un bambino tanto educato, obbediente, sempre ottimi voti…Ora risponde male, fa quello che vuole e di andare a scuola non se ne parla!!! Mi aiuti lei, noi non ce la facciamo più!!!“. Queste sono più o meno le parole che sento da molti.

In questo senso mi sento di rassicurare quanti stanno riscontrando rilevanti cambiamenti in peggio nel carattere dei loro figli che si affacciano a questo periodo delicato della crescita…NO, non sono posseduti dal demonio!

L’adolescenza, così come descritta in letteratura arriva dopo un periodo detto “di latenza”, che tutto sommato è un periodo tranquillo. Improvvisamente però arriva la scarica ormonale della pubertà, l’attrazione per il mondo dei pari, la voglia di trasgressione e di evasione.

Alcuni genitori sono portati a chiedersi se il loro bambino dapprima mansueto e gestibile, non sia affetto da qualche problematica di tipo psichiatrico, viste alcune reazioni abnormi.
No, tranquilli, o meglio, è tutto normale. Non mi ricordo chi mi disse che nell’adolescenza è normale sperimentare tutta la gamma delle patologie psichiatriche ed è una cosa di cui mi sono convinta anche io in questi anni di attività.

D’altro canto vedo questi ragazzi, immaturi, che stanno sperimentando lo sconvolgimento ormonale e sono totalmente disarmati, mi guardano con occhi persi. Ascoltano le lamentele dei genitori alzando gli occhi al cielo e sbuffando.
Neanche loro capiscono che gli sta succedendo, o meglio sono convinti di essere sempre gli stessi e che, al contrario, sono i genitori che non li capiscono.

Cari genitori è inutile che mi dite che non eravate così, ci siete passati anche voi, chiudete gli occhi e ricordate quel periodo meravigliosamente disperato, dove ogni sentimento era estremo: rabbia, amore, odio. Invece di ostinarvi a cercare di imbrigliare quei meravigliosi cavalli imbizzarriti dei vostri figli, cavalcate al loro fianco, raccontando loro le vostre esperienze. Non gli impedite di sbagliare, non li potete proteggere, piuttosto insegnategli a rialzarsi dopo ogni caduta, insegnandogli ad essere resilienti e restituendogli stima di sé. Non tarpategli le ali, li perderete nel tentativo, loro stanno imparando a volare e il vostro compito è goderne lo spettacolo col naso in su, pronti a raccoglierli da una rovinosa caduta per poi vederli ripartire ammaccati.

Comunque in bocca al lupo, ne avrete bisogno!

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore
Arianna Pedone

La Dottoressa Pedone, Psicologa Psicoterapeuta, risponde alle tue domande su: ansia, depressione, attacchi di panico, depressione post parto, problemi di coppia, disturbi alimentari, disturbi della sfera sessuale, problematiche familiari.. [contatti]

Lascia un commento