8.9 C
Lucera
27 Novembre 2022
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 290 – Modi di dire Lucerini

realizzazione siti web Lucera

lino-montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 290

A Lucera non si dice “Non ha ciò che è necessario e cerca il voluttuario” ma si dice
– “DONNA CHÈCCHE, CH’I GGUANDE E SCAVEZE “ – (Traduzione: Donna Francesca, con i guanti e con i piedi nudi)

A Lucera non si dice “È un incompetente nella sua attività, nella sua professione” ma si dice
“ÉJE PROPREJE NU SCAVEZACANE “ – (Traduzione: È proprio un poveraccio)

A Lucera non si dice “Ho provato un grosso spavento” ma si dice
– “AGGHJE TERCIÚTE L’ÚCCHJE” – (Traduzione: Ho sbarrato gli occhi)

A Lucera non si dice “Si è lasciato convincere facilmente con le chiacchiere” ma si dice
– “S’È FÁTTE BBABBÍJÀ” – (Traduzione: Si è fatto infinocchiare)

A Lucera non si dice “È una persona barbosa, lagnosa, scontata” ma si dice
– “ÉJE CÚM’E ‘N’ADDOBBJE” – (Traduzione: È come fare un’anestesia)

A Lucera non si dice “Si sta appisolando “ ma si dice
– “MÒ VÉNE PAVELUCCE! “ – (Traduzione: È in arrivo Paolino!)

A Lucera non si dice “È qualcosa di veramente squisito” ma si dice
– “È BBÙNE CÚM’I PROVELE DE DAGNÓNE “ – (Traduzione: È saporito come le provole di D’Agnone)

A Lucera non si dice “Ha un desiderio continuo di mangiare” ma si dice
– “TÉNE ‘NA SORTE DE LÓPE” – Traduzione: (Ha una fame spaventosa)

A Lucera non si dice “Urla con foga le sue argomentazioni, ma ha torto “ ma si dice
– “TÉNE CCHJÙ RAGGE CHE RAGGIONE “ – Traduzione: (Ha più rabbia che ragione)

A Lucera non si dice “La situazione sta degenerando ma si dice
– “MÒ SÒ CACCHJE NGÚLE! “ – (Traduzione: Adesso sono guai!)

 

———————————————————————————————————————-

COPERTINALINO MONTANARO E LINO ZICCA, ECCO IL NUOVO LIBRO

Ci siamo! Finalmente la tipografia Grafiche Catapano ha finito di stampare il nuovo libro di Lino Montanaro & Lino Zicca: “LUCERA DI UNA VOLTA ” che raccoglie oltre 120 brani di storia sommersa relativi a modi di dire, usanze, credenze, che riguardano pratiche religiose, usanze del ciclo della vita, pratiche e forme di magia, valore e svolgimento di feste religiose e civili, metodi per prevedere il tempo durante tutto l’arco dell’anno, scuola, personaggi, luoghi, giochi ed altro della Lucera di una volta.

Com’è possibile prenotarlo?

Il libro è disponibile presso Libreria Catapano in Viale Dante Alighieri, 1 a Lucera. E’ anche possibile prenotarlo direttamente da questa pagina, inviando un’email a: montanaro.lino@libero.it

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Potrebbero Interessarti

“A cuarandane”, Quadernetto di Romano Petroianni

Romano Petroianni

Aumento della Tari, Lucera scende in piazza

redazione

Il seme della vita | commento al Vangelo Domenicale di Don Arturo Di Sabato

Don Arturo Di Sabato

Gabriele Patruno, annuncia un nuovo libro di poesie

redazione

Dialettando 25 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Dialettando 249 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro