29.9 C
Lucera
4 Luglio 2022
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Sfogliando

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “QUÁNNE S’APPECCIÁVENE I VAJÁSSE, SE SPRUGGHJÁVENE I MATÁSSE! “

realizzazione siti web Lucera

I proverbi e i modi di dire lucerini sono tanti. Di solito la loro origine è lontana e frutto di culture passate. Molto spesso hanno alle loro spalle un riferimento ben preciso, ovvero una storia e un significato, che non molti conoscono, dato che si tratta di detti appartenenti alla tradizione, alcuni scomparsi e altri poco in uso. Allora, non è mai troppo tardi per riproporli e questa rubrica offre un’opportunità piacevole, e speriamo interessante, per saperne di più.

” QUÁNNE S’APPECCIÁVENE I VAJÁSSE, SE SPRUGGHJÁVENE I MATÁSSE!”

litigareTraduzione: (Quando litigavano le donne per la strada, si sbrogliavano le matasse)

Significato: “Quando le popolane litigavano si venivano a sapere molte verità non raccontabili!“

Curiosità:  “Una volta i terranei (suttáne) dei vicoli, delle strade, delle piazze di Lucera erano densamente abitati. In un’atmosfera d’altri tempi, fatta di tanta miseria e umanità, dove gli spazi esterni erano luoghi comuni, le relazioni e i rapporti di vicinato erano gestiti quasi esclusivamente dalle donne . Al mattino la città si svegliava con loro e le giornate erano fatte da tanta fatica, tanto che spesso era inevitabile l’insorgere di piccole guerre private e continui litigi, causati perlopiù da futili motivi, pronti a sfociare in una furiosa litigata. Bastava buttare l’acqua sporca in strada, vicino al muro o al marciapiede dei vicini o una lite fra bambini o ancora un pettegolezzo riferito. Lo svolgersi di queste litigate tra popolane aveva uno sviluppo definito: prima si borbottavano minacce, poi si passava alle urla e infine a scenate volgari, con l’uso di un linguaggio irripetibile. In questo clima venivano a galla molte verità non riferibili, mentre le altre vicine si sganasciavano dalle risate e spettegolavano. Gli uomini, perlopiù, si tenevano fuori da queste discussioni, da questi litigi, da “quisti ssciárre”. Dopo la lite ritornava il sereno e tutto ritornava come prima. Solo in pochi casi queste scenate lasciavano il segno.


Rubrica di Lino Montanaro & Lino Zicca

Potrebbero Interessarti

Ecco il calendario appuntamenti della nuova stagione concertistica Associazione Amici della Musica “Giovanni Paisiello”

redazione

Due Club Lions di Capitana ospitano per quattro giorni gli “amici” di Bergamo.

Michele Urbano

Dialettando 152 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

L’Associazione “Sei Forte Papà” in collaborazione con “Rapid accademy” organizza un nuovo corso di difesa personale per adolescenti

redazione

M’Arrecorde – I Cunde : “CUMBÀ’ NDONEJE”

Ascanio Iliceto

Angolo della poesia dialettale lucerina: “U VÍNDE E U SÓLE”, poesia di Massimiliano Monaco

redazione