12.9 C
Lucera
23 Settembre 2021
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 228 – Modi di dire Lucerini

Convento San Pasquale Lucera

Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 228

A Lucera non si dice “Sta dritto come un fuso, rigido, impettito!” ma si dice
– “VÍDE CÚME STÁCE CRICCHE E CHE S’È GNETTÚTE U LAGHENATÚRE? !

A Lucera non si dice “Gli obiettivi più importanti, di difficile realizzazione, sono quelli che regalano più soddisfazione“ ma si dice
– “ ‘A CÀRNE CCHJÙ È VECÍNE A L’ÚSSE È CCHJÙ SAPRÍTE

A Lucera non si dice “La vita è piena di opportunità, bisogna solo saperle cogliere” ma si dice
– “NA PÓRTE SE CHIÚDE E CÍNDE SE N’ARAPENE

A Lucera non si dice “Quando si ha fame vera, si mangia qualsiasi cosa” ma si dice
– “PER MAGNÀ CE VÓLE ‘A FÁME

A Lucera non si dice ” Ogni persona ha i suoi dispiaceri e i suoi problemi” ma si dice
– “‘NGE STÀ CHIJSE SÈNZA CROCE, ‘NGE STÀ CÁSE SÈNZA UÀJE

A Lucera non si dice “Per essere salubre, una casa dev’essere molto soleggiata “ma si dice
– “CÁSA SÈNZA SÓLE, CE TRÁSE U MIDECHE A TUTTE L’ÓRE

A Lucera non si dice “Guarda che io con te parlo chiaro e in maniera diretta” ma si dice
– “NGE VÓLE CHE TE L’AGGHJA MANNÀ A DDÌ PE POSTE

A Lucera non si dice “I soldi coprono ogni nefandezza” ma si dice
– “ ‘I FESSARIJE D’U RICCHE I CHEMMOGGHJE U PORTAFOGLJE

A Lucera non si dice “Ha un’intelligenza acuta, ironica, vivace “ma si dice
– “TÈNE L’ÚCCHJE D’U MALANDRÍNE, SE ‘MBONNE SÈMBE U BBESCÓTTE

A Lucera non si dice “Ieri ho fatto mille cose, oggi mi sento invece moscia“ ma si dice
– “A JÍRE PARÈVE ‘NA RENNENÈLLE, OGGE ME SÉNDE NGUICCIA NGUICCE

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Potrebbero Interessarti

Sfogliando: “A TUTT’I SANDE, C’U VRASCÍRE’NNANDE “

redazione

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “À FÁTTE ‘A SCUPÈRTE D’U BBÁBBE GRANÁTE “

redazione

Dialettando 176 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Salvatore Marchetti presenta lmperatore, Amaro tipico di Lucera e della Daunia

Michele Urbano

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “ÓGGE SÍME DE MERCÁTE”

redazione

XIV edizione del Concorso “Una poesia per la pace”, ecco l’elenco degli studenti premiati

redazione