13.1 C
Lucera
18 Gennaio 2022
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina I Cunde M'Arrecorde

M’Arrecorde – I Cunde : “U MÒNECHE DE ZÌ FRANGISCHE”

I Cunde
realizzazione siti web Lucera

Ascanio IlicetoQuesta nuova sezione della rubrica “M’ARRECORDE” riguarda le favole, le leggende, le piccole novelle e le storielle che una volta venivano tramandate per via orale e che in dialetto lucerino sono chiamate i “CUNDE”. Questi racconti ci riportano ad una civiltà rurale e a una famiglia patriarcale, ad un’epoca che non esiste più. Quando noi eravamo bambini e prima di noi le altre generazioni, nelle sere d’inverno, i nostri nonni o i nostri genitori ci facevano sedere intorno al braciere (u vrascìre) o al camino (u fucarile) e ci narravano queste novelle spesso piene di valori umani e principi morali. Spero che questi racconti facciano avvicinare i più giovani e i meno giovani ad un’epoca che ormai non esiste più ma piena di significati e al dialetto della nostra cara e amata terra natale: LUCERA.

I CUNDE
U MÒNECHE DE ZÌ FRANGISCHE’



I CundeZì Frangische abbetave o uàglje Pagghjóne è facéve u scarpare.

Isse éve zuppe a’ cossa storte e nne lassave maje ‘a putéche manghe pe jì a ffà nu seruìzzeje pecchè, pure c’u bbastòne facéve fatighe a cammenà.

Isse tenéve ‘na mugghjére, Zìjàrèlle, ca ére ‘na sanda fèmmene, tand’ére bbrave! Nn’i jéve maje condre e i facéve tutte quille ca isse vuléve.

Ésse, u ccundandave sèmbe e nen decéve ninde quanne d’a matìne bbèn di notte e fin’a quanne se jéve a coleche, isse se facéve quacche bbeccherucce de Cacc’e mmitte.

Amme ditte ca isse nn’asscéve maje e nda bbèlla staggiòne se mettéve annand’a pòrte d’a puteche c’u bbanghetille a fategà però isse sapéve ndò stévene tutt’i candine de Lucére: andò se vennéve u vìne bbune o ‘a ciuféche.

Isse, nze sape cume facéve, ggià da ‘na settemane prime sapéve ndò e chi mettéve sóp’a pòrte d’a casa suje ‘a bbanira ròssce o ‘a frasche pe venne u vine casaróle.

Zì Frangische ndenéve figghje, però tenéve nu neputille, Pasqualine, che ogne mezzejurne aspettave ch’assceve d’a scole pe jì a ccatta, a ndò decéve isse, ‘na fiaschètte de vine casarole, ca u tenève sòtt’u bbanghetille chi firre d’u mestire e ddòppe u mmetav’a maggnà.

Quann’u nepòte nge putéve jì, chiamave vune d’i tanda crijatùre che abbetavene nd’u uàglie Pagghóne e i facéve fà u seruìzzeje.

U prime penzire de zì Frangische, nen appéne s’agavezave, ére nu buffele de vine!.

Dòppe accumenzav’a fategà e sse fermave a l’óre de maggnà o quanne quacche crestijane jèv’a putéje pe ffà doje chjacchjere ca fenévene sèmbe c’u bbeccherucce de Cacc’e mmitte.

Mò’, sarrà pecchè stéve sèmb’assettate o sarrà p’u vine, tenév’a trippe sèmbe abbuttate cùme nu pallóne e spisse quell’areje u facéve semove sóp’a sègge cume si tenesse i pùlece ngùle.

Nu jurne ngi’a facéve pròbbete cchjù, che s’ammendaje?…. Allassacrése, e crestijane ca stévene nd’a putéche accumenzaje a ddì: “Stace nu mòneche ca vól’asscì: che agghja fà?”.

E quille: “U mòneche?…. Che mòneche?”.

E zzì Frangische: “Stace nu mòneche ca vól’asscì: che agghja fà?”.

Fall’asscì!”, i decìjene quilli puverille.

E zzì Frangische facìje nu petetòne accussì fòrte, ma accussì fòrte ca tremelijajene tutt’i lastre d’a vetrine. “Ooooo!…. Grazzzeje a Ddìje…. Me sènde n’at’e ttande!”.

Stu fatte u venìje a sapè tutt’u pajese e ‘a ggènde spisse jév’a putéche pe ssènde u moneche de zì Frangische.

Angóre ògge, i papanònne, quanne stanne pe ffà quacche loffe o pìtete, dicene: “Stace p’asscì nu mòneche!”.

IL MONACO DI ZIO FRANCESCO

Zio Francesco abitava al varco dei Colucci detti Paglione (Vico Spadafora) e faceva di mestiere il calzolaio. Lui era zoppo alla gamba sinistra e non lasciava mai la bottega neanche per andare a fare un servizio perché anche con il bastone faceva fatica a camminare.

Lui aveva una moglie, Zietta, ca era una santa donna, tanto brava!. Non lo contaddiceva mai e faceva tutto cò che lui voleva.

Lei, lo accontentava sempre e non diceva niente quando dalla mattina di buon ora e fino a quando non andava a dormire, lui si faceva qualche bicchiere di vino “Cacc’e mitte”.

Abbiamo detto che lui non usciva mai e nella bella stagione si metteva davanti la porta della bottega con il banghetto a lavorare però sapeva dove erano ubicate tutte le cantine di Lucera: dove vendevano il vino buono e quello schifoso.

No si sa come facesse a sapere, già da una settimana prima, dove e chi metteva davanti la porta il segnale, la bandiera rossa o una frasca, di vendita del vino casereccio.

Zio Francesco non aveva figli, però aveva un nipotino, Pasqualino, che ogni mezzogiorno lo aspettava per mandarlo a comprare un piccolo fiasco di vino casereccio, che poi metteva sotto il banchetto con i ferri del mestiere e dopo lo invitava a mangiare.

Quando il nipote non poteva andare, chiamava uno dei tanti bambini che abitavano nel varco dei “Paglione” e gli faceva fare il servizio.

Il primo pensiero di zio Francesco, appena s’alzava si faceva un sorso di vine.

Dopo iniziava a lavorare e si fermava all’ora di mangiare o quando qualche persona andava alla bottega per fare due chiacchiere che finivano sempre con un bicchiere di vino “Cacc’e mitte”.

Ora, sarà perché stava sempre seduto o per il vino che beveva, aveva la pancia sempre gonfia come un pallone e spesso l’aria nella pancia lo faceva muovere sulla sedia come se avesse le pulci al sedere.

Un giorno non ce la faceva proprio più, cosa s’inventò?…. All’improvviso, cominciò a dire alle persone che stavano nella bottega: “Stà un monaco che vuole uscire cosa devo fare?”.

E quelli: “Il monaco?…… Che monaco?”.

E zio Francesco: “Stà un monaco che vuole uscire cosa devo fare?”.

Fallo uscire!”, gli dissero quei poveretti.

E zio Francesco fece una scorreggia così forte che fece tremare tutti i vetri della porta. Oooooh!…. Grazie a Dio….. Mi sento meglio!”.

Questo fatto lo venne a sapere tutto il paese e la gente, spesso, andava alla bottega per sentire il monaco di zio Francesco.

Ancora oggi, i nonni, quando stanno per fare un peto in presenza di persone, dicono: “Sta per uscire un monaco!”.

Tratto dal libro “Ce steve ‘na vóte…a’kkussì s’akkundav’ a Llucére” di Pasquale Zolla

[Biografia di Ascanio Iliceto e racconti precedenti]

Potrebbero Interessarti

Dialettando 135 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Dialettando 240 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Tantannarrète, poesie di Enrico Venditti: BOTTE E RESPOSTE

redazione

Dialettando 171 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Dopo 40 anni, riapre la Chiesa di Santa Maria delle Grazie alle Cammarelle

redazione

Il programma completo dei festeggiamenti in onore di Santa Maria Patrona

lucerIn0d0c