Riapre la scuola, quante emozioni!


Riapre la scuola, quante emozioni! Timore, curiosità, gioia nel reincontrare volti conosciuti e conoscerne di nuovi!
Per chi comincerà questa nuova avventura, che sia il primo anno della scuola primaria o il primo della scuola secondaria, le domande che gireranno veloci in testa, come a Auggie, il protagonista di Wonder, saranno “Cosa ci aspetta? Cosa studieremo? Chi saranno i nostri compagni di classe? Chi siederà accanto a me?” Magari un compagno già noto o invece una bambina che viene da un paese lontano e custodisce una storia segreta e dolorosa che aspetta solo di essere raccontata. Potrebbe invece essere un bambino nato in un’altra terra, come Adrian, che parla benissimo la nostra lingua ed è già perfettamente integrato.

Quello che certamente accomunerà tutti gli studenti, dai più piccoli agli adolescenti, sarà il desiderio di conoscere, di sapere, di imparare in modo piacevole.
La scuola è il luogo più adatto a far crescere, perché il bambino impara a misurare le sue competenze, a confrontarsi nel dialogo, a sperimentare i suoi limiti, a superarli. Impara a conoscere meglio se stesso e gli altri e in tal modo toglie spazio a pregiudizi e comportamenti irrispettosi.

La scuola, pertanto, è il luogo più idoneo all’accoglienza reciproca, il luogo che ci insegna a guardare in avanti verso un mondo più giusto e colorato.

Sono quattro i libri che ho scelto per il primo appuntamento con la mia rubrica SassoCartaForbice sul webjournal Lucera.it, in tema con l’inizio della scuola e della conoscenza e accoglienza dell’altro, divisi per fasce d’età:

Dai 3 anni: NON VOGLIO ANDARE A SCUOLA, di Stephanie Blake, Ed. Babalibri:
Non voglio andare a scuolaSimone, il protagonista di Caccapupù e Superconiglio, deve affrontare il primo giorno di scuola. Tra mille paure e una notte insonne, dopo una bella colazione preparatagli dalla mamma che lo tranquillizza, il papà lo accompagna davanti alla nuova scuola, dove scoprirà un mondo entusiasmante, fatto di nuovi amici e giochi. Tornare a casa sarà facile?

 

 

Dagli 8 anni, ADRIAN VUOLE ANDARE A SCUOLA, di Daniela Valente e Ilaria Bochicchio, Ed. Coccole e Caccole, con la partecipazione di Amnesty International sezione italiana, che scrive
Adrian vuole andare a scuolaAdrian vuole andare a scuola_2“Quella di Adrian è una storia piccola, di quelle che passano inosservate ogni giorno, ma straordinaria come solo i sogni dei più piccoli sanno essere. Una casa, una famiglia, degli amici, una scuola, anche un amore, cose semplici per alcuni ma che per altri diventano complicate. Ingiustamente complicate perché si tratta di diritti, quei diritti che, anche nel nostro Paese, vengono negati ad alcuni bambini. Attraverso le sue parole potremo accompagnare Adrian sulla strada verso la scuola, in una città che non lo vede, verso la sua isola di bambini che conosce e che lo fa sentire bene. Perché anche se a volte le cose sono complicate i diritti sono molto semplici e Adrian deve andare a scuola.”

Dai 10 anni, WONDER, di R. J. Palacio, Ed. Giunti, il caso letterario dell’anno, finalista al Premio Andersen 2014:
WonderAuggie è un ragazzo normale, ma con un grande senso dell’ironia e una faccia…straordinaria! Nato con una tremenda deformazione facciale, protetto dalla sua meravigliosa famiglia per dieci anni, deve affrontare per la prima volta il mondo della scuola. Chi gli siederà vicino? Come sarà accettato dai compagni? Dagli insegnanti? Chi sarà suo amico?
Wonder è un romanzo anche da ascoltare, costellato di canzoni e parole di cui sono citati i link in fondo al libro.
È un libro strabiliante perché tiene sul filo della commozione per quasi tutte le 284 pagine” Elena Loewenthal, “TuttoLibri” (La Stampa).
Una lettura intensa, commovente, delicata e travolgente allo stesso tempo. Imperdibile” Jeanne Perego, “il Tirreno”.
Un racconto intenso che diverte, commuove e fa riflettere, senza forzati intenti didascalici, ma con grande sensibilità ed empatia” Martina Russo, “Andersen”.
È soprattutto un libro sulla gentilezza, sull’importanza della scuola e dell’educazione in famiglia: perché i bulli sono bulli in quanto figli di persone che insegnano la sopraffazione” Laura Eduati, “Huffington Post”.
Wonder si è rivelato per quello che è: un capolavoro di psicologia dell’adolescenza.” Francesca Magni, “Letto fra noi”.

Ai genitori che devono accompagnare i loro figli in questa nuova ed entusiasmante avventura consiglio: CRESCERE UN BAMBINO SICURO DI SÉ…E RAFFORZARE LA SUA AUTOSTIMA, di Paola Santagostino, Ed. Red!
Crescere un bambino sicuro di sèUn libro scritto da una psicologa e psicoterapeuta specializzata in medicina psicosomatica e in psicologia del colore, che guida i genitori nella relazione con il figlio e in quella del bambino con gli altri, offrendo spunti interessanti e consigli pratici sul come rivolgersi al bambino usando le parole adatte, il tono giusto e un atteggiamento positivo; come abituarlo al confronto con gli altri; come riconoscere con lui gli errori e trovare insieme le soluzioni migliori; come stabilire regole precise di comportamento che possano essere rispettate da tutta la famiglia.

 

 

A questi, aggiungo altri tre titoli che affrontano l’inizio della scuola:

 

Per i più piccoli, MARCO VA ALL’ASILO NIDO, Ed. Tourbillon, dai 2 anni.

Per chi inizia la scuola elementare, IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA, Nicoletta Costa, Edizioni EL, dai 5 anni

Per chi inizia la scuola media, PRIMA MEDIA!, Ed. Einaudi, che racconta il grande debutto di Margot in classe!

 

In libreria ci sono ancora tanti libri e tanti giochi da scoprire!
A venerdì 18 settembre con #SassoCartaForbice.

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore

Mariangela Maggiore "architetta incantata" dal mondo dei bambini e dalla passione per i libri, titolare e libraia de “Il sasso nello stagno”, libreria-laboratorio dedicata ai bambini, ai ragazzi, ai genitori, e a chi crede che di crescere e di sognare non si smette mai. [continua]

Lascia un commento