29.9 C
Lucera
5 Luglio 2022
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Angolo della poesia dialettale lucerina Copertina

Angolo della poesia dialettale lucerina: “A MANUELE” poesia di Franco Romice

realizzazione siti web Lucera

Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

angolo_poesia_lucerina_romiceQui di seguito, la poesia “A MANUELE“, poesia di Franco Romice.

N’amiche a l’atu jiurne cià lassate
u tenghe annande a l’ucchjie sembe gentile e ggarbate
a morte nne nguarde nè l’ore e manghe u jiurne
face quille che vole e nne ‘nze mette scurne
se pigghjie sembe e megghjie ‘nge sta ninde da fa
‘nni mborte si chi rumane po ‘nze pare a cunzulà
‘nge putime fa ninde ejie na rote che ggire
tu te vujie scanzà e quelle te pigghjie e te tire
Manuele mo stace annande o Padraterne
stace qujiete e sènza penzire nne mbenze cchiù quille ch’e succisse a l’atru jire
seme nujie che angore ‘ng’arrevame a fa capace che a morte ogne mumende quille che vole face
avessema penzà che ne ‘nzime ninde invece ce sendime grannezzuse e putinde

TRADUZIONE IL SUDICIONE
Un amico l’altro giorno ci ha lasciato lo tengo davanti agli occhi sempre gentile e educato la morte non guarda né l’ora e nemmeno il giorno fa quello che vuole e non si vergogna si prende sempre i migliori non c’è niente da fare non gli interessa se chi rimane poi non riesce a consolarsi non ci possiamo far niente è una ruota che gira tu vuoi scansarla e quella ti prende e ti tira Emanuele adesso sta davanti al Padreterno Sta in silenzio e sembra tranquillo e spensierato non pensa più a quello che è successo l’altro giorno siamo noi che ancora non riusciamo a capacitarci che la morte ogni momento quello che vuole fa dovremmo pensare che non siamo niente invece ci consideriamo superbi e potenti.

COMMENTO
Franco Romice, con parole chiare parla della morte che prepotente e silenziosa si porta via chi vuole e quando vuole. Parla anche del dolore e del vuoto incolmabile che la scomparsa di una persona cara provoca in chi rimane e li rispecchia nella pace raggiunta da chi si trova di fronte al Padreterno. Una poesia, ove sentimenti di dolore e di amicizia si confondono di fronte alla fine di una vita.

Una rubrica di Lino Montanaro e Lino Zicca

Potrebbero Interessarti

L’Imperatore Lucerino sbarca sull’Isola di Ponza

lucerIn0d0c

Dialettando 202 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Dialettando – “A Lucera si dice 14”, modi di dire lucerini

Lino Montanaro

Santissimo Corpo e Sangue di Cristo – Anno C | commento al Vangelo Domenicale di Don Arturo Di Sabato

Don Arturo Di Sabato

“Come in un film. Ponti di Comunità”, al via il cineforum estivo del carcere di Foggia

redazione

Cooperativa Sociale Futura: Invito a Manifestare Interesse

redazione