12.9 C
Lucera
23 Settembre 2021
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 220 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 220

A Lucera non si dice “Si da arie di mastro esperto senza averne le qualità “ ma si dice
– “SÁPE FÀ QUÁTTE CIAPPÈTTE E PÁRE CHISSÀ CH’A FFÁTTE

A Lucera non si dice ” Senza merito fa il buono e cattivo tempo” ma si dice
– “FÁCE U GALLUCCE SÓP’A MUNNEZZE

A Lucera non si dice “Non sei per niente credibile” ma si dice
– “ ‘SIND’A MMÉ, VÁTT’A LAVA’ A MBÌGNE

A Lucera non si dice “Se sei riuscito a conquistare la fiducia, è molto difficile che essa venga meno anche se hai un comportamento non esemplare” ma si dice
– “FÁTTE NU BBÙNE PÓPELE E VÀ RRUBBE ND’A CCHJÍSE

A Lucera non si dice “Di una cosa buona si devono accettane anche eventuali aspetti negativi “ ma si dice
– “ ‘CHI TÉNE ‘A CRÁPE, S’ADDA TENÈ PÚRE I CORNE

A Lucera non si dice “L’impiegato è fortunato perché, con qualunque condizione atmosferica, è sempre retribuito “ ma si dice
– “BBONDÍMBE E MALETÍMBE, ‘A JURNÁTE CORRE

A Lucera non si dice “ Ne combina di tutti i colori, è un ragazzo molto malizioso “ ma si dice
– “FÉTE DE PECCÁTE MURTÁLE, NN’È CCRESSCIÚTE P’A MALÌZZEJE

A Lucera non si dice “Domani ci recheremo a lavorare in campagna per poche ore “ ma si dice
– “QUANN’E CCRÁJE JÁME A FFÀ NA VECETOZZE, QUÁNDE JÁME E VENÍME

A Lucera non si dice “Vuoi insegnare a chi ne sa più di te? “ ma si dice
– “VÚJE ‘MBARÀ A MENZEGNÓRE CÚME SE DÍCE ‘A MÈSSE?

A Lucera non si dice “La donna spesso in casa non si cura, ma quando esce si trucca e si veste con accuratezza“ ma si dice
DINDE CÚM’E ‘NA GALLÍNE, FÓRE CÚM’E ‘NA REGGÍNE

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Potrebbero Interessarti

Speciale San Valentino presso New Cantina del Pozzo

redazione

Dialettando 139 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “CE TRUUAME SÒTT’A LLORGE “

redazione

Dialettando: Speciale Filastrocche Lucerine

Lino Montanaro

A breve le riprese del film tutto lucerino “Il segreto del Boss 3”

redazione

Nasce la nuova rubrica “Tantannarrète” poesie di Enrico Venditti

redazione