21.1 C
Lucera
21 Settembre 2021
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 226 – Modi di dire Lucerin

Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 226

A Lucera non si dice “Nella mia casa, anche se piccola, mi si sento libero di fare quello che voglio” ma si dice
– “ ‘NDA CASARÈLLE MIJE, CÁCHE E PISSCE CÚME VOGGHJE ÍJE

A Lucera non si dice ” Una mela al giorno allunga la vita, ma l’aglio si porta via gli scocciatori” ma si dice
– “NA MÉLE O’ JÚRNE LÉVE U MIDECHE DA TÚRNE, MA DOJE CÁPE D’AGLJE LÈVENE PÚRE I PARÍNDE E CUMBÁGNE

A Lucera non si dice “Ha battuto in ritirata, perché non vuole sentire discorsi che non gli danno via d’uscita” ma si dice
– “SE NÉ JJÚTE P’A CÓDE TERCIÚTE, PECCHÈ NEN VOLE SÉNDE ‘A SÁLVA REGGÍNA

A Lucera non si dice “Piccoli eventi possono avere conseguenze disastrose” ma si dice
– “ ‘NA CACÁTE DE VUCILLE POTE ‘MBUZZUNÌ ‘A JUMMARÈLLE

A Lucera non si dice “Questi trocchioli sono belli doppi, mi hanno fatto venire l’acquolina in bocca “ma si dice
– “ ‘STI TRUCCHJELE SÒ CÚM’E ZZÓCHE DE TRAJINE, M’ÀNNE FÁTTE FFÀ L’ACQUA RICCIA ‘MMOCCHE

A Lucera non si dice “Le ha prese di brutto, perché ha allungato le mani su una ragazza” ma si dice
– “S’È BBUSCKÁTE NU PALIATÓNE, PECCHÈ S’E PIGGHJÁTE NU PASSÁGGE SÓPA ‘NA UAGLJÓNE

A Lucera non si dice “Nessun uomo sa resistere a una donna che si concede troppo facilmente” ma si dice
– “QUÁNNE U LÉGNE STÁCE TROPPE VECÍN’O’ FÚCHE S’APPICCE

A Lucera non si dice “Questa cosa tu non l’otterrai mai” ma si dice
– “TE L’AGGHJE FFÀ VEDÈ C’U CCHIALÓNE

A Lucera non si dice “Con lui non riesci mai a spuntarla, non sa tenere la lingua a posto” ma si dice
– “PE QUILLU LLÀ NGE POTE NESCCIÚNE, RESPONNE SÈMBE TU A TTÙ!

A Lucera non si dice “Sono dei benestanti, ma mostrano sempre mancanza di rispetto verso gli altri” ma si dice
– “SÒ SEGNÚRE DE PALÁZZE, MA PÁRE CHE TÉNENE SÈMBE U CÁNDRE SÒTT’U NÁSE

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Potrebbero Interessarti

“I spunzeale”, Quadernetto di Romano Petroianni

Romano Petroianni

Psicologia: Hikikomori, nuove frontiere della psicopatologia

Arianna Pedone

Lega Italiana Sbandieratori: Tutte le novità, gli eventi in Italia e in Puglia. Si torna a Lucera

redazione

Dialettando 166 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Dialettando – “A Lucera si dice 26”, riferimenti a personaggi realmente esistiti o semplicemente inventati

Lino Montanaro

I simulacri lignei di Lucera ne “La fabbrica dei Santi”

lucerIn0d0c