14.9 C
Lucera
17 Ottobre 2021
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 234 – Modi di dire Lucerini

realizzazione siti web Lucera

Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 234

A Lucera non si dice “È diventato un omone, con una corporatura imponente“ ma si dice
– “S’È FFATTE QUAND’E ‘NA PACCHE DE PORTE

A Lucera non si dice “Ci vogliono i fatti e non le chiacchiere“ ma si dice
– “CE VONNE I FÁTTE, PECCHÈ SCKITTE CH’I PAROLE NZE FÁNNE I PALÁZZE

A Lucera non si dice “È così bella da sembrare una Madonna, non tenendo conto dei suoi peccati” ma si dice
– “PARE A ‘NA MADONNE, DA FÓRE I PECCATE

A Lucera non si dice “Hanno tenuto tutto nascosto, ma la figlia è in stato avanzato di gravidanza” ma si dice
– “ÀNNE MÌSSE U LENZÚLE ANNÁNZ’A PORTE. TÉNENE ‘A FIGGHJE GRÁVIDA GROSSE

A Lucera non si dice “Si comporta sempre in maniera singolare, adesso è accigliato, poi lo senti ridere a crepapelle” ma si dice
– “FÁCE SÈMBE DOJE FÁCCE, MÒ PARE NU MÚRTE ACCÍSE, PO’ RÍRE A SCKATTARÈLLE

A Lucera non si dice “La questione si è risolta rapidamente perché abbiamo incontrato una persona disponibilissima“ ma si dice
– “È STÁTE NU DÍTTE E NU FÁTTE, PECCHÈ QUÌLLE STÁCE SÈMBE C’U CÚLE APÍRTE

A Lucera non si dice “Ti invito in maniera perentoria a levarti di torno” ma si dice
– “VA CACHE A NNAPULE, CHE A LUCÉRE FÌTE

A Lucera non si dice “Ha sempre un atteggiamento serio e dignitoso” ma si dice
– “NEN RIRE MAJE, M’ ASSEMÈGGHJE A GIUUAÁNNE U SEREJE

A Lucera non si dice “Sono ridotto veramente male“ ma si dice
– “NDÉNGHE MÁNGHE L’ACQUE ND’A SAROLE PE FÁMME NA SAZZEJÁTE

A Lucera non si dice “Le calamità fanno sempre la fortuna di qualcuno” dice
– “GUÈRRE, PPÈSTE E CARESSTÍJE, SCKATTAMÚRTE IN ALLEGRÍJE

———————————————————————————————————————-

COPERTINA

LINO MONTANARO E LINO ZICCA, ECCO IL NUOVO LIBRO

Ci siamo! Finalmente la tipografia Grafiche Catapano ha finito di stampare il nuovo libro di Lino Montanaro & Lino Zicca: “LUCERA DI UNA VOLTA ” che raccoglie oltre 120 brani di storia sommersa relativi a modi di dire, usanze, credenze, che riguardano pratiche religiose, usanze del ciclo della vita, pratiche e forme di magia, valore e svolgimento di feste religiose e civili, metodi per prevedere il tempo durante tutto l’arco dell’anno, scuola, personaggi, luoghi, giochi ed altro della Lucera di una volta.

Com’è possibile prenotarlo?

Il libro è disponibile presso Libreria Catapano in Viale Dante Alighieri, 1 a Lucera. E’ anche possibile prenotarlo direttamente da questa pagina, inviando un’email a: montanaro.lino@libero.it

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Potrebbero Interessarti

Grandi artisti al Premio Persefone, premiata a Roma l’artista lucerina Martina Difonte

redazione

Foto di Lucera com’era una volta: Il Castello Svevo-Angioino

Ascanio Iliceto

Una grande opportunità: ECOBONUS del 110% per lavori di efficientamento energetico. Nessun costo per il cliente!

redazione

Ordinazione episcopale di Monsignor Ciro Fanelli vescovo eletto della diocesi lucana di Melfi-Rapolla-Venosa

redazione

VI Domenica di Pasqua – Anno C | commento al Vangelo Domenicale di Don Arturo Di Sabato

Don Arturo Di Sabato

Sfogliando: “‘A NZÉRTE PE FFÀ PÁNE E PEMMEDORE, U PÁSTE I SSIGNÚRE”

redazione