29.9 C
Lucera
14 Giugno 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 352 – Modi di dire Lucerini

realizzazione siti web Lucera

lino-montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 352

A Lucera non si dice “Qualcosa in ogni caso otterremo” ma si dice “A STU PÚNDE, CÚME VACIA VACE“ – (Traduzione: A questo punto, come va va)

A Lucera non si dice “Non ho più via di scampo” ma si dice “POVER’A MME’ DECÍJE PRESUTTE, QUANNE SE VEDÍJE AMMÍZZ’A TANDE GATTE” – (Traduzione: Povero me disse prosciutto quando si ritrovò in mezzo a tanti gatti)

A Lucera non si dice “ Basta, non voglio sentirti nemmeno se bisbigli“ ma si dice “MÒ ‘NDE VOGGHJE SÉNDE MANGHE DE PEPETÀ!“ – (Traduzione: Adesso non ti voglio sentire manco di bisbigliare)

A Lucera non si dice “ Ho un solletico in gola e non resisto senza tossire ” ma si dice “ TÈNGHE NU PELLAMÌNDE ‘NGANNE “ – (Traduzione: Tengo un fastidio in gola)

A Lucera non si dice “È uno che si offende facilmente” ma si dice “NGRÍCCHE SÈMBE A CÓDE “ – (Traduzione: Drizza sempre la coda)

A Lucera non si dice “Mi si è scotta la pasta! ” ma si dice “A PASTE S’È FATTE CÚM’E ‘NA CINGÒMME ” – (Traduzione: La pasta è diventata come una gomma americana)

A Lucera non si dice “Speriamo di poterci incontrare ancora” ma si dice “SI DDÍJE VÓLE E ‘A MMORTE TÉNE CRJÀNZE, CE VEDÍME CRAJE “– (Traduzione: se Dio vuole e la morte ha educazione, ci vediamo domani)

A Lucera non si dice “Chi non ha voglia di lavorare trova sempre pretesti” ma si dice “PE U MALE ZAPPATÓRE NN’È BBONE ‘A STÍLE D’A ZAPPE! “ – (Traduzione: Per il cattivo zappatore non è buono il manico della zappa)

A Lucera non si dice “Togliti subito dalle scatole!” ma si dice “ VIDE A NDÒ È JÌ A MMÉTE! “ – (Traduzione: Vedi dove devi andare a mietere!)

A Lucera non si dice “Questa sera sarai punito a dovere” ma si dice “MÒ CHE VÈNE PATETE, STASÉRE SÒ JJÉTE ”– (Traduzione: Quando tornerà tuo padre, sono mazzate)

A Lucera non si dice “È una persona che ha una pancia grossa ” ma si dice “ASSEMÈGGHJE CH’ÀDDA SGRAVÀ “ – (Traduzione: Sembra che debba partorire)

 

In foto – 1910 Viale Ferrovia


[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

Potrebbero Interessarti

Pillole Dialettali, Costumi: L’utilizzo di espressioni grottesche nel dialetto lucerino

Lino Montanaro

Rinascita donna: A Passo di Prevenzione…

Centro Antiviolenza Lucera

Tiromancino, venerdì 12 ottobre a Lucera

redazione

Si celebra oggi a Lucera la GiV Giornata Internazionale del Volontariato e Tavola Rotonda

redazione

Assegnato agli “Amici dell’arte” il riconoscimento “GARINEI E GIOVANNINI”

redazione

“I berleocche”, Quadernetto in dialetto di Lucera – Romano Petroianni

Romano Petroianni