5.1 C
Lucera
29 Gennaio 2023
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Sfogliando

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “VÁCHE A FFÀ ‘A SPÈSE AMMIZZ’A CHJÁZZE”

1910-Piazza-Mercato-Collezione-di-A.-Testa-1
realizzazione siti web Lucera

I proverbi e i modi di dire lucerini sono tanti. Di solito la loro origine è lontana e frutto di culture passate. Molto spesso hanno alle loro spalle un riferimento ben preciso, ovvero una storia e un significato, che non molti conoscono, dato che si tratta di detti appartenenti alla tradizione, alcuni scomparsi e altri poco in uso. Allora, non è mai troppo tardi per riproporli e questa rubrica offre un’opportunità piacevole, e speriamo interessante, per saperne di più.

” VÁCHE A FFÀ ‘A SPÈSE AMMIZZ’A CHJÁZZE”

1910-Piazza-Mercato-Collezione-di-A.-Testa-1
foto collezione di A. Testa sito luceranostra.it

Traduzione: (Vado a fare la spesa in Piazza del Mercato).

Significato: “Momento particolare della giornata fatto di acquisti al mercato e di relazioni interpersonali e sociali“

Curiosità:  “Il ricordo delle bancarelle del mercato di “ AMMIZZ’A CHJÁZZE “ ci riporta alla mente momenti di vita passata. Il mercato di Lucera era fatto da molti banchi di frutta, di verdura e di pesce; un angolo della città fatto di odori e di colori come in un affresco. Ed è stato per tanto tempo la fucina della cultura culinaria e della gastronomia lucerina, Ogni giorno, ogni mattina, decine e decine di massaie lo frequentavano e si disperdevano fra i banchi, posti ordinatamente sulla piazza, alla ricerca di merce buona e di qualità, che costasse poco. Il mercato era il punto di aggregazione, incontro e socializzazione; per le nostre mamme andare al mercato era come ritagliarsi un momento per sé per incontrare l’amica e spettegolare sui fatti e storie cittadini. C’era un rapporto diretto tra i clienti e i commercianti, fatto di conoscenza, quotidianità e simpatia, con una varietà di contradditori e di voci che si udivano in ogni stagione: Víde quánd’è bbèlle sta rúchele…. ógge ve mmagnáte cicatille p’a rrúchele d’u Castille!……A qquànde vánne ‘i patáne stammatìne?…..’Mizze chine ‘na lire.. sò accussì bbèlle che i puje fà o fúrne che l’agnìlle….Pegghjete púre sta checozza rossce e fà patáne c‘u bbaccalà!!!…’I peparúle sò doce e rrússce, sò bbèlle túste ttúste…. ‘I fenúcchje sò pecceninne e tenere… Dámme ‘na grambáte de fenucchiette!!… Damme ‘na fronne d’accetille p’u bbròde!.. Nne mme trove mánghe ‘na fronne d’acce ..Segnò ógge i cardúne sò da magnà che l’úglje e u sále…Accattateve stì jéte de cambágne p’affenà ‘u sanghe…Segnò pigghjete stì catalogne fánne bbùne o’ fegate …. Sti cepolle.sò janghe, rossce e longhe….. Dámme ‘na fronne de vasenecole e de petrusíne!! Íje ’na ddore de vasenecole e de putrusínne.à reijále sèmbe ..Tènghe ‘a nzaláte accappucciáte…Segnò víde sti pemmedóre prunille cúme sò bbèlle e pprufumáte, che púje ffà nu ragù che pode jὐ annánze a nu rrè!!!!!….Ténghe púre ‘i pemmedóre sammarsále e quìlle virde pe ffà ‘a a nzaláte!…. Dámme duje mázze de scarciofele, l’agghja fà arraganáte!.. Vide che checuzzille da ffà fritte nduráte! Dámme nu manucchje de sparege!! …… Ou… jie ténghe i purtuuále grússe e zecúse…sò i uasscindónne… Nu chine ‘na lire …Cúme sì carestúse!…. Segnò…‘i pertuuálle mije sò bbèlle e saprete, sò sána maláte ….. Meh, fa bonpíse e dammene ‘nu chine…..Quande so’ bbèlle i mandaríne! Capáte, capáte!…ógge putete capà!… Sti melèlle te zombane ‘mbacce….sò quille de Sandandoneje….I melúne sò chjéne de zucchere….Ténghe u bbaccalà da mètte a mmúlle!…Cìveze jánghe e cìveze russce! Ténghe l’ùue a mménne de vácche, ùue prufumáte, ùue marchése, ùue reggíne e ùue cardenále …. !….Accattateve nu scartoffeje de sárde, de líce, de soglje, de trèglje, de crugnalètte, de pulpetille, che u pessce míje éje accussì frisscke se pote magnà a la crudigne…. Segnò a ndò te l’agghja mètte stu pèssce?…Óva fresscke, óva fresscke!… Ógge ‘i ciammaruchelle so a la núta sènza carrozze!…. Dámme doje mesúre de ciammaruchèlle….Ai nostri giorni di questo mercato è rimasto solo il ricordo ”.

Rubrica di Lino Montanaro & Lino Zicca

Potrebbero Interessarti

Sfogliando: ” QUILLE FACE U PORTAQUAGLJE”

redazione

Foggia 100. La categoria… un dettaglio”, la storia dei Satanelli come un romanzo

redazione

Vincitori XVI edizione del premio “Una Poesia per la pace” edizione 2022

redazione

La commedia “MAST-DON TUBBIJE” del Gruppo Amici dell’Arte in onda domani su Telecattolica e Teleradioerre

redazione

Dialettando 190 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Ecco il calendario appuntamenti della nuova stagione concertistica Associazione Amici della Musica “Giovanni Paisiello”

redazione