15.6 C
Lucera
5 Dicembre 2022
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina I quadernetti Libri

“I scheaccavèlle”, Quadernetto di Romano Petroianni

realizzazione siti web Lucera

romano petroianni

“I scheaccavèlle”, Quadernetto di – Romano Petroianni (leggi biografia)

I scheaccavèlle
(I / sch-accavell)

È una delle tante parole nel linguaggio lucerino che evidenzia la grande estrosità, la grande fantasia accumunata da un grande spirito di osservazione che rasenta, a dir poco, l’eccessiva pignoleria dei nostri antenati.

Difatti, “I scheaccavèlle” (I / sch-accavell) altro non sono che le “Susine” o “Prugne”. Questo termine lucerino, espresso al plurale, si accosta con lo strumento musicale “I cheaccavèlle” (I / ch-accavell) “Le caccavelle”.

A distinguere queste due parole è solo il prefisso “s”.

Come “l’epilogo stimolante di un episodio di romanzo o film a puntate, simile a un telenovela”:

– “Come proseguirà?” ….

Così viene fuori la spontanea osservazione:

– “Cosa accomuna il frutto del prugno allo strumento con la piccola cassa armonica in uso nel napoletano?” –

A dare chiarezza sono nientemeno le regole della grammatica di Lucera, contenuta nel mio voluminoso libro di 3400 pagine intitolato “U rataville” (U / ratavill) nella seguente maniera:

– 1) “I cheaccavèlle” (I / ch-accavell) al purale, al singolare femminile “A caccavèlle” (A / caccavell) “La caccavella”. Come già affermato in un mio precedente quadernetto, è lo strumento musicale napoletano, rustico e rumoroso, con il particolare suono simile allo scoreggiare, alla flatulenza, che lo distingue dagli altri. Difatti la sua origine è:

– “Cra-c-cra-v-èlle” –

I cui minimi termini hanno i seguenti specifici significati:

– “Cra”, voce ripetitiva, voce onomatopea “Cra-cra”, ridotta a “Ca-ca”, rumore dell’evacuazione dall’intestino delle feci a seguito di diarrea. Per effetto della crasi perde la consonante “r”, molto fluttuante pari alla “l” (elle) che si scambia o si annulla. Ciò si verifica nel lucerino e in tanti altri dialetti in genere, come nei seguenti esempi..

 

Puoi continuare la lettura, aprendo gratuitamente in pdf l’intero quadernetto

pdf-download-icon

Potrebbero Interessarti

Sfogliando: “NATÁLE C’U MUSSE ÚNDE, DOPE NATÁLE FACÍME I CUNDE”

redazione

Dal 7 dicembre all’11 gennaio tutti a Lucera per “La Città di Babbo Natale”

redazione

Dialettando 284 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Gli ospiti del Centro diurno per demenze pianteranno fiori come terapia

redazione

Sfogliando: “DOPPE TAND’ANNE ND’A BBANNE NZAPE SUNÀ MANGHE I PIATTINE”

redazione

“SS16 Day – La Provincia di Foggia alza la testa”, domenica 26 settembre manifestazione pacifica

lucerIn0d0c