21.1 C
Lucera
27 Settembre 2021
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 222 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 222

A Lucera non si dice “L’amicizia è un feeling profondo che necessita di essere alimentata, per cui solo il tempo la rinsalda“ ma si dice
– “MECÌZZEJE DE ‘NA JURNATE SÙBBETE SCURDATE

A Lucera non si dice ” Adesso si dimentica del suo passato” ma si dice
– “S’È FFATTA VÉCCHJE E S’È LLUNGATE U ZENALE

A Lucera non si dice “È una persona i cui no sono definitivi” ma si dice
– “QUILL’ÈJA VÚNE CHE QUANNE DICE NÉGGHJE ÉJA NÉGGHJE!

A Lucera non si dice “Come gli viene, così gli passa!” ma si dice
– “CÚME SE NGACCHJE ACCUSSÌ SE SCACCHJE!

A Lucera non si dice “La situazione in ogni caso è compromessa “ ma si dice
– “SE NN’È RRÚTTE, È CAUTÁTE

A Lucera non si dice “Non si può pensare di poter solo a soddisfare le esigenze immediate, ma bisogna pensare anche al futuro“ ma si dice
– “STIPE U MÉLE PE QQUÁNNE TE VÉNE ‘A TOSSE

A Lucera non si dice “Quando si è troppo buoni, bisogna stare attenti a non essere sfruttati “ ma si dice
– “CHI TÉNE U CÓRE LÁRGHE, ADDA TENÈ ‘A VORZA STRÈTTE

A Lucera non si dice “È una persona che non parla con sincerità perché nasconde la verità“ ma si dice
– “QUISTE NNE MM’A CCONDE JUSTE, TÉNE ‘A SARÁCHE ‘ND’A SÁCCHE

A Lucera non si dice “La malasorte tocca sempre al più disgraziato “ ma si dice
– “DESGRAZZEJE E UÀJE, A CHI NÌNDE E A CHI ASSÀJE

A Lucera non si dice “Come sei esaurito, puoi impegnarti solo in un lavoro temporaneo!“ ma si dice
A NDÒ T’ABBEJE PE QUÈLLA CÁPE CHE TÌNE, PÚJE FFÀ SCKITTE U MBÌGHE D’ACQUA SCELLÁTE!

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Potrebbero Interessarti

Psicologia: Il Gabbiano Jonathan

Arianna Pedone

Angolo della poesia dialettale lucerina: ” ‘A DUMÈNECHE “, poesia di Gabriele Patruno

redazione

A Lucera tre grandi artisti internazionali

redazione

Sfogliando: “SE ME RESPUNNE N’ÀTA VÓTE MALAMÈNDE,TE FAZZE ZUMBA’ TUTT’I DINDE DA MMOCCHE “

redazione

Presentazione del libro “Bar de Chiara”, buona la prima!

redazione

Lucera, riapertura della Chiesa di Santa Lucia

redazione