21.1 C
Lucera
21 Settembre 2021
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 213 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 213

A Lucera non si dice “Ha preso un tale spavento da procurargli un grave stato di ansietà“ ma si dice
– “L’À CCÚTE ‘NA SORTE DE PAÚRE DA FA TREMÀ U STRÚNZE ‘NGÚLE

A Lucera non si dice ” Tutto passa, tutto si dimentica, tutto si lascia” ma si dice
– “ÓGNE MATÍNE SE FÁCE SÈRE

A Lucera non si dice “Le cose per farle bene non bisogna mai farle alla buona, alla carlona, arrangiando, così come vengono, ma con molta cura!” ma si dice
– “ ‘NA LÈGNE NEN FÁCE FÚCHE, DOJE MÁNGHE PE SÚNNE, TRE, QUÁTTE E U FÚCHE È FÁTTE!

A Lucera non si dice “Siamo veramente inguaiati” ma si dice
– “STÍME ANGÓRE A PPÁNE DE GRÁNE!

A Lucera non si dice “Nessuno si vuole interessare di vicende dolorose“ ma si dice
– “ ‘A CEPOLLE MÁNGHE I CÁNE L’ADDORENE

A Lucera non si dice “Devo sempre porre riparo ai suoi comportamenti sconsiderati e ciò mi provoca un grave turbamento“ ma si dice
– “‘AGGHJÀ SÈMBE APPARÀ ÍJE I FÚSSE E ME FÁCE SPUTÀ TÚSSECHE

A Lucera non si dice “Dopo tante sofferenze, è’passato a miglior vita “ ma si dice
– “DOPPE CH’ÀVE SSUFFÈRTE I PÉNE AMARE, À CCUCCHJATE I TACCHE

A Lucera non si dice “Non può rivalersi sul diretto interessato e allora se la prende con qualcuno a lui vicino “ ma si dice
– “CHI NZA POTE PEGGHJÀ P’A CHJÍSE S’A PEGGHJE P’U SAGRESTÁNE

A Lucera non si dice “Se ne aggiunto un altro che inopportunamente si erge a difensore “ ma si dice
– “E QQUISTE È N’ÀVETE CHE FÁCE U MÁNDE D’A MESERECORDEJE!

A Lucera non si dice “Caspita quello non si lava mai e i vestiti che ha addosso sono luridi“ ma si dice
MADÒ È QUÁND’È NZEVÚSE E I PÁNNE CHE TÉNE NGÚLLE ASSÈMEGGHJENE ‘A COTECHE‘I CARAVÚNE”

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Potrebbero Interessarti

Lo chef lucerino Mirko Esposito presenta la cena “Figli di Pu…glia”

redazione

In cucina con Lucia: Girelle di pasta fresca ripiene

Lucia Ianigro

Premio Letterario Nazionale “Umberto Bozzini – Città di Lucera” 6ª Edizione – 2019

redazione

Mattinate FAI d’inverno: A Lucera monumenti raccontati dagli occhi degli studenti

redazione

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “TROPPA GRAZEJE, SAND’ANDONEJE!”

redazione

Festa della Musica Street Sound 2019 Lucera capolista in Puglia tra le prime 5 città in Italia

redazione