21.1 C
Lucera
21 Settembre 2021
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 231 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 231

A Lucera non si dice “Non riavrai mai indietro quel denaro che hai prestato” ma si dice
– “MITTELE ND’U LIBBRE U SCÚRDE

A Lucera non si dice “Bisogna fidarsi di chi ha più esperienza “ ma si dice
– “ ‘A GÁLLINE VÉCCHJE FÁCE L’OVE BBÙNE E U BBRODE MÈGGHJE

A Lucera non si dice “Coloro che ingrassano a vista d’occhio, rischiano di perdere, nel contempo, la virilità” ma si dice
– “QUÁNNE VÉNE ‘A MALATTIJE D’AGNÌLLE, CRÈSSCE ‘A TRIPPE E S’AMMOSCE ‘A VUCÌLLE

A Lucera non si dice “È una cosa imprecisa, fatta male ma si dice
– “ASSEMÈGGHJE U MUSSE DE PEPPÍNE U CAFÓNE

A Lucera non si dice “Le nozze sono saltate, doveva andare così” ma si dice
– “ ‘ÀNNE SCUMBENÁTE U MATREMONEJE, SI NN’ARRIVE U DESTÍNE NZE FÁCE U FESTÍNE

A Lucera non si dice “Non vuole crescere, si comporta ancora da bambino“ ma si dice
– “STÁCE SÈMBE ATTACCÁTE A’ PÈTTELE DA MÁMME. MÌTTELE U DÍTE MMOCCHE, VÍDE MUZZECHEJE?

A Lucera non si dice “Cerca il bene che il male viene da solo” ma si dice
– “U BBÉNE VALLÀ A TRUUVÀ CA P’U MÁLE BBÁSTA ASPETTÀ

A Lucera non si dice “Il matrimonio di nostra figlia ci costerà un patrimonio” ma si dice
– “AGGHJA MARETÀ ‘A FIGGHJA MÍJE, AGGHJA CACCIÀ U PORTAFOGLJE ED AGGHJA FFÁ TTRÈ VÓTE: FLÒ, FLÒ, FLÒ (flò, flò è il fruscio del danaro)

A Lucera non si dice “Spesso chi deride gli altri fa finta di ignorare di essere in situazione peggiore “ma si dice
– “U VÓVE NGUNDRÁJE U CIUCCE E DICÉJE: CHERNÚTE

A Lucera non si dice “È molto allegro; mi sa che è ubriaco” ma si dice
– “SE MÌSSE NGARZAVILLE, STÁCE BBÈLLE NÁZZA, NÁZZE”

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Potrebbero Interessarti

Una grande opportunità: ECOBONUS del 110% per lavori di efficientamento energetico. Nessun costo per il cliente!

redazione

Enac: Ente Nazionale Attività Culturali apre alle Associazioni in Puglia

redazione

Lucera vista dall’alto: Le video riprese aeree sulla città del Pilota Pasquale Di Biccari, volo del 27 maggio 2018

redazione

Dialettando – “A Lucera si dice 40”, parole nuove in uso tra i giovani

Lino Montanaro

Dialettando 49 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Recupero di un’antica statua votiva presso l’ex chiesa di S. Matteo a Lucera

redazione