21.1 C
Lucera
21 Settembre 2021
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 230 – Modi di dire Lucerini

Dialettando, modi di dire lucerini

Lino Montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 230

A Lucera non si dice “È incapace di eseguire un qualsiasi compito” ma si dice
– “NZÁPE PROPETE FFÀ NINDE, L’È MÈTTE ANGÓRE ‘A MÈNNA MMOCCHE

A Lucera non si dice “Quanto stai affermando è una promessa destinata presto a essere dimenticata “ ma si dice
– “SIGNELE SÓP’U JACCE

A Lucera non si dice “Nel bisogno, occorre industriarsi” ma si dice
– “A GALLINE CAMENÁNDE, RASPULEJÉJE E TÉNE SÈMBE ‘A VOZZE CCHJÈNE

A Lucera non si dice “Si deve prestare molta attenzione per fidarsi di certe persone” ma si dice
– “CHE L’ÓME VVÁSCE E ‘A FÈMMENA CHIATTE E FFÀ TTRÈ VÓTE U PATTE

A Lucera non si dice ” Oggi ha messo da parte il suo modo di essere ed è intrattabile”, ma si dice
– “ ‘ÓGGE È SSCIÚTE DA DÌND’U SCARAVATTE, M’ASSEMÈGGJE A ‘NU CHETÚGNE NDREZZÚSE

A Lucera non si dice “Sembra una persona rispettabile, ma in realtà è un malvagio “ ma si dice
– “PÁRE NU SÁNDE CANNELEZZATE, MA ÉJE ‘NA MÈLA FRACETE

A Lucera non si dice “Hanno voluto dividere cose già esigue” ma si dice
– “ANNE FATTE CÚME C’A CAMMÍSE DE CRISTE

A Lucera non si dice “Sono cose da pazzi” ma si dice “GGESÙ, QUISTE SÓ NNUMMERE!”

A Lucera non si dice “L’onestà è un valore sempre apprezzato “ma si dice
– “TÈCCHETE E DAMME, CAMBAJE CÍND’ANNE

A Lucera non si dice “Troppa presenza e accanimento attorno a una cosa o vicenda non è buon segno “ ma si dice
– “QUÁNNE VÍDE TROPPE CANE SÓP’A N’ÚSSE, MÉGGHJE CA T’ARRASSE ”.

 

REGOLE DI PRONUNCIA

Il dialetto lucerino, come del resto ogni dialetto, ha le sue ben precise e non sempre semplici regole di pronuncia. Tutto questo, però, genera inevitabilmente l’esigenza di rispettare queste regole non solo nel parlare, ma anche e soprattutto nello scrivere in dialetto lucerino. Considerato che il fine di questa rubrica è proprio quello di tener vivo e diffondere il nostro dialetto, offrendo così a tutti, lucerini e non, la possibilità di avvicinarvisi e comprenderlo quanto più possibile, si ritiene di fare cosa giusta nel riepilogare brevemente alcune regole semplici ma essenziali di pronuncia, e quindi di scrittura dialettale, suggerite dall’amico Massimiliano Monaco.

1) La vocale “e” senza accento è sempre muta e pertanto non si pronuncia (spandecà), tranne quando funge da congiunzione o particella pronominale (e, che); negli altri casi, ossia quando la si deve pronunciare, essa è infatti sempre accentata (sciulutèzze, ‘a strètte de Ciacianèlle).

2) L’accento grave sulle vocali “à, è, ì, ò, ù” va letto con un suono aperto (àreve, èreve, jìneme, sòrete, basciù), mentre l’accento acuto “á, é, í, ó, ú” è utilizzato per contraddistinguere le moltissime vocali che nella nostra lingua dialettale hanno un suono molto chiuso (‘a cucchiáre, ‘a néve, u rebbullíte, u vóve, síme júte), e che tuttavia non vanno confuse con una e muta (u delóre, u veléne, ‘u sapéve, Lucére).

3) Il trigramma “sck” richiede la pronuncia alla napoletana (‘a sckafaróje, ‘a sckanáte).

4) Per quanto riguarda le consonanti di natura affine “c-g, d-t, p-b, s-z” è stata adottata la grafia più vicina alla pronuncia popolare (Andonije, Cungètte, zumbà) quella, per intenderci, punibile con la matita blu nei compiti in classe.

5) Per rafforzare il suono iniziale di alcuni termini, si rende necessario raddoppiare la consonante iniziale (pe bbèlle vedè, a bbune-a bbune, nn’è cósa túje) o, nel caso di vocale iniziale, accentarla (àcede, ùcchije).

6) Infine, la caduta di una consonante o di una vocale viene sempre indicata da un apostrofo (Antonietta: ‘Ndunètte; l’orologio a pendolo: ‘a ‘llorge; nel vicolo: ‘nda strètte).

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

 

Potrebbero Interessarti

Dialettando 203 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

“Il lucerino è il dialetto più giovane d’Italia”, Quadernetto di Romano Petroianni

Romano Petroianni

Sfogliando: ” TÉNE ‘A BBURZÈTTE CH’I FEGURÈLLE NGANNE“

redazione

Sfogliando: “QUILLE ÉJE PROPEJE NU VASTASE“

redazione

Cooperativa Sociale Futura: Invito a Manifestare Interesse

redazione

Santa Maria Protegga tutti noi, lucerini vicini e lontani

Lino Montanaro