27.1 C
Lucera
30 Maggio 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 340 – Modi di dire Lucerini

realizzazione siti web Lucera

lino-montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 340

A Lucera non si dice “Non si può essere sempre troppo pignoli” ma si dice “NEN NZE PONNE MÈTTE I PÍDE SÓP’A ÓGNE CHIANGHÈTTE “ – (Traduzione: Non si possono mettere i piedi sopra ogni basola)

A Lucera non si dice “Amico, ti sei sbagliato sul mio conto!” ma si dice “CUMBÀ, TU È SBAGLJATE PALAZZE!” – (Traduzione: Compare, tu hai confuso palazzo!)

A Lucera non si dice “Non riesce a progredire, “ ma si dice “QUILLE NEN ‘MBARE A TRUÀ PAGGHIOSCECHE “ – (Traduzione: Quello non trova paglia sottile e fine)

A Lucera non si dice “Voglio gustare uno stuzzichino” ma si dice “ME VOGGHJE ADDECREJÀ U STÓMECHE, MÒ ME FAZZE NU SCITAPPETÍTE “ – (Traduzione: Voglio far godere il mio stomaco, adesso mi faccio uno spuntino)

A Lucera non si dice “Spesso sono solo le cattive abitudini che rovinano un ambiente ” ma si dice “NN’ÉJE ‘A CARNE CHE FÉTE ‘A CHIANGHE “ – (Traduzione: Non è la carne che fa puzzare la macelleria)

A Lucera non si dice “È una persona da scansare sempre” ma si dice “QUILL’ÉJE VÚNE CHE FÈTE CCHJÙ DA VÍVE CHE DA MÚRTE” – (Traduzione: Quello è uno che puzza più da vivo che da morto)

A Lucera non si dice “Smettila di essere importuno e fastidioso” ma si dice “NEN FACÉNNE SÈMBE U NZECCÚSE “– (Traduzione Non essere sempre appiccicaticcio)

A Lucera non si dice “È tornato a casa completamente sudicio” ma si dice “S’È RRETERATE RRADDUTTE CÚM’E BBATTAGLJUZZE “ – (Traduzione: Si è ritirato ridotto come Battagliuzze. Nb: Battagliuzze era un popolano poverissimo e sudicio tanto da camminare senza scarpe, anzi, per dare l’impressione di averle si tingeva i piedi col nerofumo)

A Lucera non si dice “Per soddisfare qualunque desiderio è necessario il danaro” ma si dice “CI VÓNNE SÈMBE I SDÈNGHE “ – (Traduzione: Ci vogliono sempre i soldi!)

A Lucera non si dice “Tutto questo è qualcosa che non serve a niente” ma si dice “NEN CE PUJE FÀ NNÈ LLARDE E NNÈ ‘NZOGNE, E MANGHE LL’ OSSE P’I CANE”– (Traduzione: Non ci puoi ricavare nè lardo e nè sugna e neanche ossi per i cani)

In foto – Anni 70 – Piazza Lecce – Pozzo


[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

Potrebbero Interessarti

Dopo 40 anni, riapre la Chiesa di Santa Maria delle Grazie alle Cammarelle

redazione

Riportate a casa tra mille proclami, dopo un anno, giacciono abbandonate. E adesso la Fondazione minaccia di destinarle ad altro Museo

redazione

Feste patronali Lucera, ecco il programma completo dei festeggiamenti in onore di Santa Maria Patrona

redazione

Orgoglio Lucera: 9 lucerini nella Nazionale della Lega Italiana Sbandieratori 2017

redazione

Al via l’intervento di valorizzazione dell’Anfiteatro Augusteo di Lucera

redazione

Pizzaiolo Lucerino campione italiano nella categoria pizza dessert con la “Leggenda di Pizzomunno”

redazione