25.1 C
Lucera
13 Aprile 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 343 – Modi di dire Lucerini

realizzazione siti web Lucera

lino-montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 343

A Lucera non si dice “Il contenitore è molto grande, ma il contenuto è misero”ma si dice “CCHJÍSE GRANNE, DEVVEZJÓNE NINDE“ – (Traduzione: Chiesa grande, devozione poca)

A Lucera non si dice “Non ti devi mai fidare delle persone false” ma si dice “CHIANDE DE SCROFE E TTREMELIZZE DE PEZZÍNDE, NNE STÉNN’A CCRÉDE A NNINDE” – (Traduzione: Pianti di donne di malaffare e tremolio di pezzenti, non credere a niente)

A Lucera non si dice “Il vino amaro migliora con il tempo“ ma si dice “VÍNE AMARE, TÍNELE CARE“ – (Traduzione: Vino amaro, tienilo caro)

A Lucera non si dice “Ne ha avute tante, ma non gli sono bastate” ma si dice “‘NA MAZZIJATE, ‘NA SCUTULATE“ – (Traduzione: Una bastonata, una scrollata)

A Lucera non si dice “È una persona che cambia spesso umore” ma si dice “ASSEMÈGGHJE ‘A GATTE CHE SÓP’O TÍTTE CHIAGNE E RRÍRE “ – (Traduzione: Sembra la gatta che sopra il tetto piange e ride)

A Lucera non si dice “Non hai capito l’antifona e ti hanno fregato” ma si dice “UEJA-UEJA, TE SI MAGNATE I MACCARÙNE” – (Traduzione: Povero te, ti sei mangiato i maccheroni)

A Lucera non si dice “Le cose in società finiscono sempre male” ma si dice “I CÓSE ANZIME NN’I VONNE MANGHE I PÚRCHE “– (Traduzione:Le cose fatte insieme con altri non sono gradite neanche ai maiali)

A Lucera non si dice “Fa finta di non capire, non vergognandosi di nulla” ma si dice “E VOGGHJIE A MENAZZÀ E MÒ SE MOVE “ – (Traduzione: Hai voglia a minacciarlo e mai si muove)

A Lucera non si dice “La cattiva condotta della mamma influisce sulla figlia” ma si dice “‘A CAMMÍSE D’A MAMME PASSE A FIGGHJE“ – (Traduzione: La camicia della mamma passa alla figlia)

A Lucera non si dice “Tu sei proprio un rammollito!” ma si dice “CHE MME N’AGGHIA FÀ DE TE, U PANECÚTTE?”– (Traduzione: Che me faccio di te, il pancotto?)

In foto Anni 30 – Ingresso terreni di Goffredo – 1939


[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

Potrebbero Interessarti

L’IPSSAR R. Bonghi vince il 1° concorso King School Cup

redazione

I DIBBETE . Pillole Dialettali, per giovani e non, di detti, storie e luoghi di Lucera

Lino Montanaro

Nasce a Lucera la sede locale dell’Archeoclub d’Italia

redazione

Programma VII Parata Nazionale Under 18 a Lucera (FG)

redazione

Al via la raccolta delle offerte per “Il Ferragosto Lucerino”

redazione

Dialettando 185 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro