16.1 C
Lucera
26 Maggio 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Pillole Dialettali

Pillole Dialettali, Le filastrocche dialettali

indovinelli lucerini
realizzazione siti web Lucera

Sono una parte importante della cultura popolare, tramandate oralmente di generazione in generazione. Sono costituite da motivetti in rima, composte da un numero variabile di versi, usati per descrivere diverse situazioni di vita quotidiana, raccontando storie divertenti o insegnamenti morali.

Ogni lucerino ne conosceva diverse che poteva richiamare in qualsiasi occasione. Particolare importanza avevano le filastrocche per bambini che le mamme e le nonne utilizzavano per quietare o per far addormentare i bambini; servivano anche a sviluppare la fantasia dei bambini e ad imparare, divertendosi insieme.

Una di queste serviva a insegnare ai bambini più piccoli le varie parti della faccia. Ovviamente la descrizione era rigorosamente in dialetto:

Varevarèlla bbèlle = Il mento (‘a ‘nguècchje)
Mussìlle bbèlle = Il muso ( u músse)
I doje melèlle = Le gote ( i scacche )
U rucche rucche = Il naso ( u nase)
I doje fenestrèlle = Gli occhi (l’úcchje)
‘A tavele appreparate = La fronte ( ‘mbronde)
A vígne a cucchjarèlle = La testa (‘ngape)
U cuzzètte peducchjúse = La nuca ( u cuzzètte).
Oggi questi elementi di storia e di identità lucerina sono quasi dimenticati.

Potrebbero Interessarti

Gli amici dell’Arte in scena il 3 e 4 dicembre al Teatro dell’Opera con “U SCAZZAMURILL”

Michele Urbano

“A scheufeja”, Quadernetto di Romano Petroianni

redazione

Dialettando 269 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Dialettando 281 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Manila Nazzaro ambasciatrice del Nero di Troia

redazione

Dialettando 211 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro