28.9 C
Lucera
25 Giugno 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Pillole Dialettali

Pillole Dialettali, Tradizioni: U STRUSSCE (LA PASSEGGIATA)

realizzazione siti web Lucera

TU STRUSSCE (LA PASSEGGIATA)

A Lucera, da sempre, giovani ed adulti, abbandonati gli impegni e le incombenze quotidiane, ad una certa ora si dedicano a “U STRUSSCE“, la passeggiata piena di gente, tra Piazza Duomo fino alla Villa Comunale, che era, e forse lo è ancora, il momento della socializzazione per eccellenza, sia per i residenti sia per quelli che vi ritornano, specialmente in occasione del Ferragosto (I féste d’Aùste).

La passeggiata “AMMIZZ’U LAREGHE FIN’A VILLE“ è piacevole, rilassante, tranquilla, un’occasione per fare conversazione con gli amici, per “tagghjà” (spettegolare), commentare la situazione politica cittadina e fare gustose e golose soste (addecrejarse) nei caffè, nelle pasticcerie e nei locali vari.
Questo lungo tratto è il salotto buono di Lucera, forse, ancora oggi, centro e fulcro della vita cittadina, dove ci si ferma a ogni metro a salutare amici e conoscenti, perché a Lucera ci si conosce quasi tutti. Per tantissimi ogni suo angolo è l’immagine di qualcosa di vissuto, il giardino lussureggiante ove fioriva la bella gioventù.

Esso è il luogo simbolo di un’epoca che non c’è più: i BAR “DE CHIARA”, “POZZUTO”, “SARACENO”; gli appassionati comizi di una volta, i manifesti dei film in programmazione, l’odore di caldarroste e “squagliuzze”. Ancora, il marciapiede di Via Federico II, un comodo punto di passeggio , di incontri e di scontri, che era sempre affollato di ragazze e ragazzi, che tra uno “strussce” e l’altro, dopo tanti sguardi da interpretare, prendevano il coraggio per fermare una ragazza e dichiararsi, iniziando amori presto finiti o durati per tutta una vita, dove l’amore si confondeva spesso con l’amicizia e dove i flirt per la prima volta non si dovevamo necessariamente concludere con il matrimonio.

Oggi è facile per i giovani incontrarsi, conoscersi, amarsi, sposarsi e lasciarsi. Sono tante le occasioni: le discoteche, le gite, i viaggi, le cene, le feste, e così via. Nel passato non era sempre così facile: “u strussce” ti dava veramente una mano… “Scusi, signorina, è impegnata? Quel marciapiede, le “chianghètte”, di Piazza Duomo, le panchine della Villa Comunale erano, d’inverno e d’estate, il “ social ” di quei ragazzi. Si conoscevano tutti, vedendosi crescere reciprocamente e dove non era necessario darsi appuntamento, lì ci si incontrava tutti. Tutto avveniva e nasceva lì, in un mondo meno complicato di oggi. Ma, lungo quel tratto, si passeggiava allora e si passeggia anche ora, forse un po’ meno.

Potrebbero Interessarti

Dialettando – “A Lucera si dice 7” – La misurazione del tempo a Lucera, tutti i modi di dire

Lino Montanaro

Al Circolo Unione incantano le opere di Gianni Mentana

Michele Urbano

Speciale San Valentino presso New Cantina del Pozzo

redazione

Pillole Dialettali, Storie Singolari

Lino Montanaro

4^ Edizione Premio Umberto Bozzini Città di Lucera

redazione

Dialettando 255 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro