31.1 C
Lucera
16 Giugno 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Tantannarrete

Tantannarrète, poesie di Enrico Venditti: “A DUMÈNECHE”

realizzazione siti web Lucera

Enrico Venditti, poeta LuceraPoesia di Enrico Venditti:

A DUMÈNECHE

Tate, assettate sop’u rummetale,
appicce a pippe che nu lumafuoche,
a pippa suie de crète c’a cannucce,
e s’arragge pecchè a pippe nen pigghie.
Mamme, assettate ‘nnante u tavelire,
arrènghe i cicatille a vune a vune,
i cecatille de farina nèreve
ca so saprite c’a recotta toste.
A figghje, nnante u spècchie d’a tulètte
da na mèzz’ore face a fantuppine.
S’è ‘ngegnate na bèlla vèsta nove,
e abbade a u tèrze ‘ndirine pe gghì a Mèsse.
Mammagnore, assettate a ppide u litte,
stace chi mane ‘nzine, citta citte.
Nen face a cavezètte, s’arrepose.
A fategà a dumèneche è peccate.
Ogne tante, strengènnese u sciallètte,
s’affacce a porte, e spije arrète i lastre.
Tanne aspettave ca passasse u zite.
E mo che aspètte? Ca ce passe a Morte,
pur’èsse che na bèlla vèsta nove?

TRADUZIONE:
LA DOMENICA
Il padre, seduto sul sul gradino di casa,
accende con un fiammifero la pipa,
dal fornello di argilla e bocchino di cannuccia,
e si arrabbia perché la pipa non tira.
La madre, seduta davanti alla spianatoia,
allinea le orecchiette una a una,
orecchiette di farina di grano arso
che sono saporite con la ricotta dura.
La figlia, davanti allo specchio della toeletta,
da mezzora fa la civettuola.
Ha messo un bel vestito nuovo,
e aspetta il terzo rintocco della campana per andare a messa.
La nonna, seduta sul letto dal lato dei piedi,
sta con le mani in grembo, zitta zitta..
Non fa la calza, si riposa.
Lavorare di domenica è peccato.
Ogni tanto, sistemandosi lo scialle,
si affaccia alla porta, e guarda da dietro i vetri.
Una volta aspettava che passasse il fidanzato.
Adesso invece che cosa aspetta? Che passi la Morte,
anche lei con un bel vestito nuovo?

COMMENTO:
Un quadretto in cui si ritrovano uomini e donne, con le proprie attività e propri pensieri in un giorno particolare. Una bellissima poesia dell’avvocato Venditti che con maestria dipinge stati d’animo e ambiente. L’uomo e il suo riposo, la donna che lavora anche di domenica, la figlia che vive l’attesa dell’uscita e forse dell’incontro con il suo amoroso e la nonna che forse non si aspetta nient’altro dalla vita. E questa è una domenica d’altri tempi.

Una rubrica di Lino Montanaro e Lino Zicca

BIOGRAFIA DI ENRICO VENDITTI

Potrebbero Interessarti

Nasce “Alla ricerca delle Edicole Votive”, progetto volto a valorizzare il patrimonio artistico e culturale di Lucera

redazione

Angolo della poesia dialettale lucerina: “GGNUTTÉVE MMACANDE” di Costantino Catapano

redazione

In viaggio con il re-straniero. I dauni fra storia, archeologia e mito. Lezione di archeostoria all’UNITRE

redazione

Parte la programmazione 2022 dell’Operastudio Puglia: in scena “Don Giovanni” c/o il teatro dell’Opera di Lucera

redazione

Dialettando 138 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Enac: Ente Nazionale Attività Culturali apre alle Associazioni in Puglia

redazione