25.1 C
Lucera
13 Aprile 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Bar De Chiara Copertina

Il libro “Bar De Chiara”, Capitolo 1: Il 13 giugno

realizzazione siti web Lucera

Libro Bar de Chiara

Capitolo 1

Il 13 Giugno

Era un caldo pomeriggio inoltrato del 10 giugno e molti giovani studenti stavano seduti attorno ai tavolini del bar De Chiara.

Da sempre, appena iniziava giugno e quando il sole scompariva dietro i tetti degli antichi palazzi, i bar di piazza Duomo sistemavano i tavolini e le sedie all’aperto nel loro spazio antistante.
I rotondi tavolini del bar De Chiara, che avevano i piedi di ferro e il ripiano in alluminio, e le sedie con struttura di ferro e il fondo colorato, fatto di fili di plastica intrecciati, erano sempre occupati da giovani studenti che solo raramente si permettevano una consumazione.
E anche quella sera le consumazioni scarseggiavano mentre svogliatamente si parlava dei campionati di calcio, quelli finiti e quelli che stavano per finire.

In realtà, i pensieri di tutti in quei momenti erano rivolti alla fine dell’anno scolastico e all’imminente uscita, forse prima del 13 giugno, dei quadri che avrebbero riportato gli esiti degli scrutini, ossia i voti per materia e il risultato conclusivo: promosso, rimandato, bocciato.
Gli stati d’animo dei ragazzi erano i più diversi: c’era chi, rilassato e tranquillo perché certo della promozione, parlava di vacanze che a quel tempo pochi si potevano permettere; c’era chi, speranzoso, pensava che potesse arrivare anche la promozione; c’era chi, preoccupato e consapevole che non ce l’avrebbe fatta, pensava di essere rimandato in una o più materie; c’era chi, fiducioso, pensava di poter evitare la bocciatura, magari venendo rimandato in tre o quattro materie; c’era infine chi, mortificato per la sicura bocciatura, era preoccupato del giudizio e della reazione dei propri genitori.

Seduti attorno ad un tavolino, insieme con altri c’erano Alessandro e Antonio che frequentavano entrambi il terzo anno di ragioneria.
A quei tempi e per quella scuola due erano gli scalini difficili da superare.
Il primo anno, quando si consumava una vera e propria falcidia con il dimezzamento delle classi e il passaggio all’anno successivo di circa la metà degli alunni.
Il terzo anno, l’inizio dell’ultimo ciclo didattico, che finiva con una forte selezione e con la bocciatura di circa un terzo degli alunni.

Alessandro teneva banco e tutti gli altri erano intenti ad ascoltarlo. Egli era un bel ragazzo solare; sapeva parlare e con il suo modo di fare riusciva simpatico anche ai professori. Perciò, sapendo di contare su queste sue qualità, si applicava poco nello studio, convinto che poi alla fine tutto sarebbe andato per il verso giusto.
Raccontava che negli ultimi dieci giorni aveva sistemato un po’ di cose. Aveva recuperato in Diritto, con un’interrogazione ottima, e si era assicurato la promozione in Economia. Anche in Storia non vedeva problemi dopo l’ultima interrogazione; magari poteva farcela anche in Italiano perché la professoressa gli aveva fatto capire che agli scrutini lo avrebbe portato sicuramente col cinque. Forse anche in matematica, dopo l’ultimo compito scritto, poteva sperare che il professore lo portasse con cinque.
Diceva di avere qualche problema con Ragioneria e Tecnica Commerciale, ma era fiducioso che il professore non fosse proprio una carogna e che il voto con cui lo avrebbe presentato agli scrutini non fosse molto insufficiente. Inoltre, evidenziava che nelle altre materie, a cominciare dall’Inglese e dal Francese, aveva voti più che sufficienti. Perciò, concludeva che non gli sarebbe andata male.

Mano a mano che parlava, Alessandro si convinceva sempre di più di quello che diceva e così facendo trasmetteva coraggio anche agli altri.
Parlarono alcuni ragazzi i quali, seguendo lo schema del suo ragionamento, manifestarono preoccupazioni e ansie che però addolcivano con considerazioni più fiduciose. Essi si sentivano più tranquilli e speravano in voti migliori di quelli insufficienti che essi stessi si assegnavano e si aspettavano dai propri professori.

Iniziava a scendere sera, quando Alessandro si alzò e disse che andava via poiché aveva un appuntamento.
Fu a quel punto che Antonio, il quale era stato silenzioso e cupo per tutto il tempo, rivolgendosi ad Alessandro disse: ”Cavalì, ma stai dando i numeri? Tu sei messo peggio di me e pensi di cavartela con le chiacchiere, facendo diventare i tre e i quattro in sei?”. Alessandro, indispettito, rispose: “Non solo dico che non andrà male ma posso sperare anche nella promozione”.
E Antonio, in tono ironico, replicò: “ Allora non andar via. Stai un altro poco con noi. Non farti pregare, rimani. Così puoi far passare le mie insufficienze a sei e forse anch’io mi potrò salvare”.

Alessandro andò via accompagnato da risatine e commenti poco lusinghieri sulla sua capacità di fare conquista. Mentre Sandrino De Chiara, che aveva ascoltato tutto, commentò ad alta voce: “Ma se non studiate mai e correte solo dietro alle ragazze perché mai vi dovrebbero promuovere?”.

Il 13 giugno uscirono i quadri. Alessandro e Antonio furono bocciati.
Antonio, ogni volta che si presentava l’occasione, accusava Alessandro di essere stato la causa delle loro bocciature. Lo rimproverava dicendogli che le bocciature erano dipese esclusivamente dal fatto che quella sera, per un appuntamento con una ragazza, che tra l’altro era andato a buca, aveva smesso d’impegnarsi con forte convinzione nell’opera di trasformare i quattro in sei.


U 13 GIUGNE

Era qualche giorno prima dell’uscita dei quadri di fine anno scolastico….E alcuni giovani erano seduti ai tavolini davanti al Bar De Chiara….

LINO: Ohu! Amma fa’ ‘nguiatà nu póche a Sandríne?!? … Giòvane!.. ce purte nu pizze de spumóne a ‘ppedúne e quatte cucchiaríne?!?

ANTONIO: … E pure na gazzóse e quatte cannucce!

SANDRINO: A qquà me páre che éje sèmbe ‘a stèsse canzóne!… Denáre n’ze ne vèdene e i

dibbete aumèndene!

PASQUALE: Àmme capíte Sandrí … púre ogge nen se chiagne… Uhì!, passanne da

Velardíne àgghje accattáte u “Curríre du Sport” …

LINO: Èmbè?!?, che díce de bbèlle? Qust’anne Júve, Indèr e Milàn stanne facènne propete

sckife!

PASQUALE: Uhì!, díce che vanne bbune sckitte Càgliere e Fiorendíne…

SANDRINO: Quilli dóje squadre jochene ch’éje ‘na bbellèzze!

ANTONIO: E du Fogge che se díce? Vóle turnà o no in Sèrie A?

PASQUALE: Díce che nen ge stáce cchiù u squadróne cum’e ‘mmáne a Oronzo Pugliése.

LINO: E’ fèsse!…, e chi su póte scurdà qull’anne che u Fogge vengíje trè a ddúje che l’Indèr!

ANTONIO: A’ veretà trasèmme, a l’úse nustre, a l’ùteme quinece menúte… quanne

arapijene i cangìlle pe fa’ ascì i crestiáne.

LINO: Azz!!!… M’u rrecorde cumme mo fosse: Lazzotti o’ 49°, Nocére o’ 54°, Peirò o’ 63°,

Suarèz o’ 74°, Nocére o’ 77°.

ALESSANDRO (arrivato trafelato in quel momento): Salúte a tutta a cumpagníje;… e

soprattutte a Sandríne… u mègghje de Lucére! Che, stáce nu pustecille púre pe mmè?

SANDRINO: Stèmme a’ scárse a fetinde! Ce mangáve sckitte u Cavalíre… Aqquà u

mègghije u ponne nghiúde!

PASQUALE: Ècchece fàtte! ‘Assa fa’ a ttè!…

LINO: Uh Madonne! … sti’ cazze de sègge!… Quanne sarrà a vóta bbóne che ce putíme

assettà da crestiáne?… M’arraccumanne a vvúje, nn’i cagnáte máje!!!

SANDRINO: Néh, ggiuenò: pecchè n’de váje a ssettà sópe ‘e scále ‘a Cchisagrànne?.. Allà sì

che váje chiù comede!… Ma vúje vedéte nu poche a quiste: n’déne ninde e cche ffà e pigghje

i cáne a pettenà!

ALESSANDRO: Sandrí! … mo ce vularríje chèccóse pe seppundà u stomeche: na bbèlla

cósa a ppedúne: nu cafè, na paste, … fa’ tu!

SANDRINO: Ogge Sanda Maríje à fatte a grazzije: ànne urdenáte quacche cóse. Mo sì che

stíme bbune pe na settemáne! Ma chi pághe??? Tu tine sckitte ‘a vocche quand’e ogge e

cráje!

Ma c’è sempre qualche amico in pena per il proprio rendimento scolastico. Stavolta è

Antonio ad essere… abbattuto.

LINO: Ando’!…. stáje cum’e nu vicce abbuttáte… ch’è capetáte? … Ogge te véde cum’e ‘na

pèzze!

ANTONIO: Cì, cì!… pe mmè n’ge stanne nnè Sande e nnè Madonne… íje auànne a’ scóle

n’gia pozza fa’… Aramáje cchiù! Mo che pàteme ‘u véne a sapè … prime m’accíde de

taccaráte e po’ ‘i véne nu stranghegghijóne… che a darce na curtullate n’gia èsce manche na

stizze de sanghe!

ALESSANDRO: Andò’, n’de pegghijanne veléne, che íje agghje scannagghijáte bbèllebbèlle

i prevessúre: quille de Diritte m’à ditte che l’utema ‘nderrugazzijóne è júte bbóne;

Èconomíje e Storie ‘a stèssa cose… Tenghe sckitte nu poche de pavúre pe Raggionèríje e

Tècneche…, ma c’a prussurèssa nostre se póte arraggiunà….

SANDRINO: Uèh, i cafè e i paste so’ pronde!… Venéte a pegghijareville… Patte chiare e

‘mecizija a llonghe … príme se paghe e po’ se magne!… Mbè!….che … nesciúne se móve?

ALESSANDRO: … Ouh!… n’de sbruscenianne. Íje… so’ cunvinde che, sturte e malurte,

auanne séme tutte promosse… E po’, cume ‘a fanne a quarte l’anne che véne: che quatte

studìnde? Quille i prevessure tènene paure de pèrde u poste!

ANTONIO: Tutte quiste, manghe ninde éje!… Quille che nen vogghje sènde … éje ‘a sòleta

letaníje de pàteme: “Mandìne mmàne!… Stu magnapane a trademènde!… Núje ce luáme u

pane da ‘mmocche pe mannarte a’ scóle!… E tu cche ffáje?!? …”

SANDRINO: I cafè e i paste so’ ppronde! Vuléte venì a pegghjareville ssì o nno? … Però …

appríme se paghe… Che v’è succisse, n’denéte chiù facce?!?

ALESSANDRO: Uagliú … i teníme fatte! … Na máne láve a n’àvete e tutt’e ddóje lavene ‘a

facce….

SANDRINO: I cafè e i paste so’ pronte!… Viste che n’ze móve manghe l’àneme d’u

Priatorije, …. che fazze … i sègne?

TUTTI ALL’UNISONO: Sanda chiamáte!!!

ALESSANDRO: Sandrì, rengrazianne a Ddíje, ogge m’è júte bbóne a’ stoppe… Tè!, quiste

so’ dújemíla líre… pìgghjete pagáte púre quille che avanze… e scangille tutte cóse da sópe ‘o

quadèrne!

SANDRINO: Dalle, dalle e ddalle, e pure a cepolle devènde aglije! Paréve che stu’ jurne

n’arreváve máje!

PASQUALE: E’ arreváte ‘a bubbazze! Panza chiéne nen canosce nè Sandríne, nè

cumbagne…

SANDRINO: Ce vuléve… Alessandro Sande paghèrò… Ma che ve penzáte!?! … p’a fíne d’a

settemáne… pure vúje avéte caccià i denáre… che pure quille stanne segnate sope ‘o

quadèrne… Facéte cume ‘o Cavalíre … a mmè me piacene… i crestiáne de cusciènze!

PASQUALE: Sandrí… ma quande si’ pallúse!… che fosse succisse quacch’e n’ata vóte nu

fatte de quiste?!?… I solde t’i díme a mùzzeche e spìzzeche… però t’i díme sèmbe… Na vóte

a l’anne, cum’e Ddíje cumanne; na vote ‘o mése è cungèsse; ma tutt’i jurne ‘stu fatte d’i solde

àdda fenèsce!

3

SANDRINO: Faje ríre pure ‘e gallíne! A mmè me páre che vúje tenéte… a pághe du suldáte e

i vizije du ggenerále…

ALESSANDRO: Uagliú… mo me n’àgghija fúje… Tènghe na fegghijóle p’i máne che nen

me fáce dorme manghe ‘a notte…

PASQUALE: Vid’a isse… e cche bbèllu ggíre che téne … quèlla sorte de gatta mópe!…

però… E bbráve o’ Cavalíre!

ANTONIO: Àgghje capíte…, quèlla sorte de …

SANDRINO: … E’ fèsse e che malelènghe! … Vúne puzze e n’avete féte … Ma nen ve

mettéte pe nninde a scurne?!? … Mo vatrò chi sarrà ‘sta povera fegghijóle? Séte propete na

manijáte de fetinde!

LINO: Che… n’ge stáce quacche cumbagnèlle púre pe nuje???.. Statte attinde che quelle s’a

tíre… manghe si ‘a tenèsse sckitte èsse…

ALESSANDRO: Uèh!, cumbagne míje!… íje nn’àgghje fatte angóre ninde!… Faciteme

pegghijà ‘mmane ‘a setuazióne e po’ vedíme che ci’aèsce púre pe vvúje.

ANTONIO: Cavalì… da nu fatte zumbáme a n’àvete… Tu stáje cchiù nguajáte de núje… e

pinze d’apparà ‘a custijóne pe ‘sti quatte pappocchje che ce vúje accundà ! ‘U sáje che ce sta’

de núve? Viste che sáje fà l’arte d’a magaggíje… statte n’atu pucarille che núje, … accussì è

capáce che fáje passà quacche n’atu quatte a séi… e forse púre íje vènghe promosse… Cume

se díce u fatte: “Nu poche appedúne n’ fáce mále a nescjúne”!

Intanto arrivò la fatidica data del 13 giugno, giorno dell’uscita dei “quadri”. Sia Alessandro

che Antonio furono respinti. Senza darsi appuntamento, tutti i giovani, alla stessa ora, si

ritrovano, come sempre, seduti ai tavolini dello stesso Bar.

SANDRINO: Tèh…tèh… sonne arreváte… i crápe!… Vida-vi’ e che facce da dúje nuèmbre!

PASQUALE: Citte Sandrí, che i fatte aqquà se mèttene malamènde!… Mamma sande, e che

n’atu ‘mbìcce!… E mo vattinne locche-locche!

LINO: … Quèlle ‘a vìpere che muzzucáje a Andonije muríje ‘ndussucáte!

ANTONIO: Cavalí… Figghije de bbóna ma’ … che puzzà jettà ‘u sanghe!… Tu si’ státe che

m’è fatte bboccià!… Quèlla sére te si’ mbambalúte pe quèlla fegghijóle…, che n’ge manghe

veníje … e te sì scurdáte de fa’ passà i vóte míje da quatte a séje. Mo vavattìnne da ‘nanze a

l’ùcchije míje…!

ALESSANDRO: Igghijà! … Sbaglie u prèvete sope a vutáre!… Ma vèramande ‘u stáje

decènne, o a pazzíje??… E mò… fenìmele aqquà!….

SANDRINO: Tè…tè…’mbrùgghje e ssa’ fa’ a mmè!… Cume díce u pruèrbije: “Chi nasce

quadre nen móre tunne”!…

Continua…
Il prossimo capitolo sarà pubblicato martedì prossimo.
Puoi leggere i capitoli precedenti cliccando qui

Potrebbero Interessarti

Nuovo libro di Lino Zicca: Storia del PCI di Lucera

redazione

Dialettando – “A Lucera si dice 36”, capacità di descrivere una persona

lucerIn0d0c

Pillole Dialettali, Personaggi: VELARDÌNE (Bernardo La Cava)

Lino Montanaro

Parte il concorso di Arte, Artigianato e Bricolage, “Lucera in Italia e nel Mondo”

redazione

Pillole Dialettali, Tradizioni: U pasckarille e la gelateria d’u napuletane

Lino Montanaro

In cucina con Lucia: “U pizz palumm”, il dolce tipico di Lucera. Ecco la ricetta completa

Lucia Ianigro