11.1 C
Lucera
26 Febbraio 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Pillole Dialettali

Pillole Dialettali, Amarcord: U TAVELÌRE (La spianatoia di legno)

realizzazione siti web Lucera

Le donne lucerine di una volta si svegliavano prestissimo la mattina per preparare, con un rituale quasi religioso, la pasta fatta in casa ( trucchjele, cicatìlle, lagane, mabricúle), indossando, per una sorta d’igiene, sia il grembiule (u grembiale) che il fazzoletto bianco (‘a mèzza scolle) sul capo per raccogliere i capelli.
Mostrando le loro grandi doti, dopo essersi fatto il segno della croce , iniziavano, con le mani a pugno, a impastare sulla la spianatoia di legno (u tavelìre), attrezzo di cucina munito di tre sponde di legno alte fino a 10 cm, ai due lati e sul fondo e posto su due sedie. Altri elementi indispensabili erano l’acqua, un mattarello (u laghenatúre), il sale (u sale), la semola, la farina, passate al setaccio (‘a setèlle), un coltello (‘a sfèrre), e, soprattutto “olio di gomito”.

Le donne lucerine ammucchiavano semola o farina al centro d’u tavelíre, facendone un cratere, versavano acqua a temperatura ambiente e impastavano, fino a che non si creava un composto omogeneo, che veniva, quindi lavorato. U tavelíre era l’attrezzo da cucina indispensabile per fare anche il pane, i taralli scaldatelli (i scavedatìlle), i taralli con il vino (i mbreachìlle), le pettole (i pettèle) ed i dolci caratteristici lucerini, le cartellate (i crustele), le mandorle atterrate (i menèle atterrate), i poperati (i puperate), i calzoncelli (i cavezungìlle).

Oggi, anche se quasi soppianta dalle paste e dai dolci della produzione industriale, resiste ancora salda la tradizione della pasta e dei dolci fatti in casa e u tavelíre, presente tuttora in molte famiglie lucerine, continua a rappresentare qualità e tradizione.

Potrebbero Interessarti

Dialettando 229 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Il vino di Lucera promosso a Cannes dagli enologi francesi

redazione

M’Arrecorde – I Cunde : “VETÙCCE”

Ascanio Iliceto

Mogol racconta Mogol, tutto esaurito al Teatro dell’Opera di Lucera

redazione

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “MANNÁGGE A SANDENINDE! “

redazione

Lucera Natale 2021: ecco il calendario degli eventi

redazione