11.1 C
Lucera
26 Febbraio 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
News

Comunicato Stampa del Sindaco di Lucera, Giuseppe Pitta su Lastaria, Scuole e Castello

realizzazione siti web Lucera

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del sindaco di Lucera, Giuseppe Pitta su sanità, scuole e fortezza angioina.

Ospedale Lastaria:
Rispetto alla situazione dell’Ospedale Lastaria di Lucera, colgo l’occasione per portare all’attenzione degli organi di stampa, dei cittadini e dei rappresentanti politici regionali e locali che negli ultimi 3 anni la situazione del nosocomio è quotidianamente peggiorata. Abbiamo assistito ad un progressivo svuotamento dei servizi offerti, numerosi medici hanno lasciato la struttura, il pronto soccorso è più volte andato in seria difficoltà e i posti letto di fatto si sono dimezzati rispetto alla previsione della delibera regionale che individuava la struttura quale Ospedale di Zona Disagiata. Inoltre, va segnalato il dimezzamento dell’attività del centro analisi e la profonda crisi nella quale versa il centro radiologia. Molte altre sono le criticità che si sono palesate negli ultimi anni ed a nulla sono servite le rassicurazioni circa un rilancio della struttura che oltre a poter avere un importante ruolo nella organizzazione del Policlinico Riuniti (notoriamente congestionato nelle sue attività) rappresenta un importantissimo presidio di salute a servizio dell’intero territorio dei Monti Dauni. Veramente poco risolutiva può essere considerata la presenza di uno/due (forse e speriamo) nuovi medici a servizio del pronto soccorso dopo che non è stata rinnovata la convenzione con il 118 e si sono persi numerosi medici dedicati al servizio. Invito, pertanto, i rappresentati regionali della Provincia di Foggia a farsi carico della problematica ed a portare la stessa nel Consiglio Regionale senza ulteriori indugi avendo chiaro che questa parte di Puglia non può e non deve essere privata anche del diritto alla salute.

Dimensionamento scolastico:
Preso atto che la questione della soppressione delle autonomie scolastiche non è ancora sufficientemente chiara a qualcuno, ritengo doveroso esporre alcune precisazioni. In primo luogo continuo a sentire che io e la mia Amministrazione avremmo “deciso di non decidere”: affermazione palesemente falsa e infondata, e lo è per due ordini di motivi. Il primo è che non spetta al Sindaco o all’Amministrazione Comunale decidere quali autonomie scolastiche si debbano o non debbano sopprimere, dato che questa prerogativa è esclusivamente della Regione Puglia così come delle altre Regioni italiane. Il secondo è che al Comune e quindi all’Amministrazione che lo rappresenta è consentito, invece, esprimere pareri e osservazioni sulle proposte della Regione, corroborate da opportune motivazioni, cosa che è stata fatta con la Deliberazione di Giunta Municipale n. 172 del 26 settembre 2023, dove si è deciso di contestare ed opporsi alla soppressione di qualsiasi autonomia scolastica nel territorio di Lucera ampiamente motivando tale decisione. Qualcun altro avrebbe preferito che si decidesse di mantenere l’autonomia della Bozzini – Fasani sacrificando l’ITET, proponendone l’accorpamento al Convitto Nazionale Ruggero Bonghi, io e la mia Amministrazione abbiamo invece deciso di perorare la causa di entrambe le suddette autonomie e, alla fine, i fatti ci hanno dato ragione, nonostante qualcuno abbia espressamente detto, a favore di camera, “io non sposo cause perse” definendo tale la richiesta dell’amministrazione Lucerina di salvare entrambe le autonomie per ottime motivazioni. Nella diretta che ho fatto qualche giorno fa ho citato un passaggio del verbale della conferenza di servizi inerente il dimensionamento scolastico degli istituti lucerini dove viene riportato chiaramente che l’ipotetico accorpamento dell’ITET al Convitto Nazionale presenterebbe un problema di conflitto, così c’è scritto nel verbale, con quanto disposto dal DPR 249/98. In effetti si tratta di un refuso nella trascrizione del verbale, perché il DPR al quale si fa riferimento nella conferenza è evidentemente il n. 233/98 (Regolamento recante norme per il dimensionamento ottimale delle istituzioni scolastiche e per la determinazione degli organici funzionali dei singoli istituti, a norma dell’art. 21 Legge n. 59 del 16.07.97). Mi scuso per aver commesso l’errore di leggere un riferimento normativo riportato erroneamente nel verbale di conferenza tra Provincia e Regione. Nella sostanza il DPR 233/98 esclude dall’applicazione delle norme sul dimensionamento scolastico i Convitti Nazionali come il Ruggero Bonghi e lo stabilisce in maniera chiara ed inequivocabile all’art. 7, che riporto testualmente: “Art. 7 – Esclusioni Le disposizioni di cui al presente regolamento non si applicano alle accademie di belle arti, di danza e di arte drammatica, ai conservatori di musica, agli istituti superiori per le industrie artistiche, alle scuole italiane all’estero e agli istituti di educazione, salvo il disposto dell’articolo 5, comma 5.” Quindi alcuni istituti vengono espressamente esclusi dai piani di dimensionamento, salvo quelli di lingua slovena delle province di Gorizia e Trieste (di cui all’art. 5 comma 5). Il Convitto Nazionale è un istituto di educazione ed è quindi escluso dall’applicazione della Legge. Come viene correttamente riportato nel verbale della conferenza, si parla di “conflitto” con la Normativa vigente a proposito dell’accorpamento dell’ITET al Convitto Nazionale. Apprendo che c’è chi si lascia andare a qualche spiritosaggine leggendo il testo del DPR citato per errore nel verbale della conferenza di servizi e invece di prendersi la briga di verificare quale sia la normativa corretta, ne cita un’altra che non c’entra nulla con il dimensionamento delle istituzioni scolastiche, traendone conclusioni palesemente errate e per giunta con la pretesa di avere maggiori competenze in materia di istituzioni scolastiche rispetto alle autorità provinciali e regionali a tanto preposte. Un errore interpretativo della Norma può ben essere perdonato a chi non è del mestiere,
ma quello che è inaccettabile è la presunzione di saperne di più degli addetti ai lavori, più di tutto e tutti oserei dire, ma a questo siamo purtroppo abituati.

Viale Castello:
Apprendo pure, che in una diretta, qualche persona non ben informata sostiene nuovamente che vi fosse la possibilità di finanziare gli aumenti di spesa per il completamento dei lavori di Viale Castello con i fondi messi a disposizione dal finanziamento regionale “StradaxStrada” (non è la prima volta che sostiene questa corbelleria a fini denigratori non avendo altri argomenti). A tal proposito faccio osservare che questo avrebbe comportato la rinuncia a rifare il manto stradale di interi quartieri come quello dei Cappuccini, ad esempio, che non vedevano l’asfalto da almeno quaranta anni o, magari, la rinuncia al rifacimento della strada per San Severo che da decenni versava in condizioni vergognose, di Via Aspromonte e tante altre. Ma anche volendo fare questa scelta scellerata, ci si sarebbe scontrati con quanto previsto al punto 5.3 del Bando Regionale dove si stabilisce espressamene che “Non sono ritenute ammissibili spese relative a interventi per i quali alla data di concessione del contributo siano già state avviate le procedure di gara per l’affidamento dei lavori.”. Per rinfrescare la memoria a chi fa finta di non sapere, per Viale Castello non solo erano avviate le procedure di gara, ma erano pure concluse con l’affidamento dei lavori, pertanto i fondi di StradaxStrada non potevano essere utilizzati per finanziare i lavori di Viale Castello.
Spero di essere stato chiaro ed esaustivo, a beneficio di chi vuole davvero conoscere la verità.

Il Sindaco di Lucera Avv. Giuseppe Pitta

Credits Foto: pagina facebook ufficiale Giuseppe Pitta

Potrebbero Interessarti

Medici foggiani dell’ISDE contro impianto a biometano di Lucera

redazione

“Se non si muore di covid, si rischia di morire di burocrazia”, appello del Collegio dei Geometri di Lucera

redazione

Appello dell’AVIS Lucera a favore dei terremotati del Centro Italia

redazione

Buon Ferragosto da Lucera.it

lucerIn0d0c

Accoglienza famiglie ucraine in Capitanata, il Terzo Settore in rete per fornire risposte concrete

lucerIn0d0c

Il sindaco chiude al traffico Piazza della Repubblica, esplode la rabbia dei commercianti

redazione