11.1 C
Lucera
26 Febbraio 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 337 – Modi di dire Lucerini

realizzazione siti web Lucera

lino-montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 337

A Lucera non si dice “Quando conviene tutti cercano di approfittare” ma si dice “A NDO’ ‘A FRATTE È VASSCE, OGNEVÚNE VÓLE ZUMBÀ “ – (Traduzione: Dove la siepe è bassa, tutti vogliono saltare)

A Lucera non si dice “Ogni errore ha la sua inevitabile conseguenza” ma si dice “ÓGN’E PECCÁTE TÉNE ‘A PENETÈNZE SÚJE” – (Traduzione: Ogni peccato ha la sua penitenza)

A Lucera non si dice “È meglio che ti togli dalle scatole “ ma si dice “TÍNE ‘A RÓGNE E TÍNE A TÍGNE, VAVATTÍNNE FÓRE A VÍGNE “ – (Traduzione: Hai la rogna e hai la tigna, vai fuori nella vigna)

A Lucera non si dice “Oggi, purtroppo, non si mangia” ma si dice “TAVOLA MÌSSE E PIATTE CAPUTATE “ – (Traduzione: Tavola apparecchiata e piatti capovolti)

A Lucera non si dice “Il matrimonio esige amore e non solo desiderio sessuale” ma si dice “CHI SI SPOSE P’Ù PRURÍTE, STENDE E PÈNA TUTTA ‘A VÍTE “ – (Traduzione: Chi si sposa per prurito, stenta e pena tutta la vita)

A Lucera non si dice “È caduto in un tranello, in un inganno” ma si dice “S’È BBUSCKATE ‘NA ZZAPPATÚRE DE CÚLE” – (Traduzione: Si è preso una zappata nel sedere)

A Lucera non si dice “L’ho realizzato in un tempo brevissimo” ma si dice “AGGHJE FATTE VÚNA VAMPE CÚM’A CAPOCCHJE “– (Traduzione: Ho fatto una fiammata come un fiammifero)

A Lucera non si dice “Sono persone volgari che si sono arricchite” ma si dice “SÒ SCKITTE PÚRCHE C’HI CULLARÈTTE “ – (Traduzione: Sono solo porci col collaretto)

A Lucera non si dice “I lutti prima o poi finiscono e i morti si dimenticano” ma si dice “SSCIÚTE U FÚME, ‘NZIRRE ‘A PORTE “ – (Traduzione: Uscito il fumo, chiudi la porta)

A Lucera non si dice “Solo le figlie femmine mantengono i rapporti con la famiglia di appartenenza , e, pertanto, il genero viene considerato un altro figlio;mentre la nuora è considerata una estranea” ma si dice “CHI TÉNE FIGGHJE FÈMMENE, TÉNE MASCÚLE E FÈMMENE, CHI TÉNE FIGGHJE MASCÚLE NTÉNE NNÉ MASCÚLE E NNÈ FÈMMENE”– (Traduzione: Chi ha figlie femmine, ha il maschio e la femmina, chi ha figli maschi, non ha né maschi e né femmine)

Anni 70 – Piazza della Repubblica – Foto di Roberto Toriello – 1977 (8)

[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

Potrebbero Interessarti

Dialettando 50 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Giornate FAI di primavera, l’Anfiteatro Augusteo apre le porte il 25 e 26 marzo

redazione

Nasce “Alla ricerca delle Edicole Votive”, progetto volto a valorizzare il patrimonio artistico e culturale di Lucera

redazione

Pillole Dialettali, Tradizioni: I SEBBÙLECHE (I SEPOLCRI)

Lino Montanaro

Dialettando 132 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

‘A FÈSTE DI FÈMMENE…

Lino Montanaro