25.1 C
Lucera
13 Aprile 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Dialettando

Dialettando 346 – Modi di dire Lucerini

realizzazione siti web Lucera

lino-montanaro“Dialettando” , la rubrica di Lino Montanaro propone tutti i giovedì proverbi e modi di dire lucerini, tramandati di generazione in generazione, per non dimenticare le origini della nostra amata Lucera.

DIALETTANDO 346

A Lucera non si dice “ Piego la testa dormendo da seduto”ma si dice “ STÉNGHE SCAPUZZEJANNE P’U SÚNNE “ – (Traduzione: Piego la testa per il sonno)

· A Lucera non si dice “ È di una magrezza impressionante ”ma si dice “ ASSEMÈGGHJE A ‘NA SÍCCIA ASSECCATE ” – (Traduzione: Sembra una seppia rinsecchita)

· A Lucera non si dice “ Non te la prendere se la vita è fatta di alti e di bassi “ ma si dice “ QUANNE U SÓLE VACE E VÈNE, NTÈ PEGGHJÀ VELÈNE “ – (Traduzione: Quando il sole va e viene, non prenderti veleno)

· A Lucera non si dice “ Ancora non si è innescato un meccanismo inarrestabile ” ma si dice “ U FATTE A QQUÁ ANGÓRE NEN PIGGHJE FÚCHE “ – (Traduzione: La questione non ha ancora preso fuoco)

· A Lucera non si dice “È un prodotto di scarsa qualità ” ma si dice “ VACE MERCATE, VÉNNENE U PÈSSCE FETÈNDE!“ – (Traduzione: va a buon mercato , vendono pesce puzzolente!)

· A Lucera non si dice “ È stato scoperto a dire una bugia ” ma si dice “ A FATTE I RÈCCHJE A FÚCHE ” – (Traduzione: Ha le orecchie a fuoco)

· A Lucera non si dice “ Il carciofo più precoce, voluminoso e saporito è quello lucerino ” ma si dice “ SONNE MAMMELE I SCARCIOFELE LUCERÍNE! “– (Traduzione: Sono mammole i carciofi lucerini!)

· A Lucera non si dice “ La sacralità del venerdì lucerino! ” ma si dice “ ÓGGE ÉJE VENERDÌ, SE MAGNE PÈSSCE! “ – (Traduzione: Oggi è venerdì, si mangia pesce!)

· A Lucera non si dice “ Il sole fa capolino da dietro le nubi ” ma si dice “ ÓGGE STACE ‘NA SGUÍCCE DE SÓLE, TANDE PE FA VEDÈ “ – (Traduzione: Oggi c’è un pochino di sole, tanto per fare apparenza)

· A Lucera non si dice “ Non si è fermato per niente ” ma si dice “ À FATTE VÚNA TERATE ”– (Traduzione: Ha fatto tutto un tiro ) —– )

In foto – Anni 20 – Laterale Cattedrale – 1928


[LINO MONTANARO BIOGRAFIA E PUBBLICAZIONI PRECEDENTI]

 

Potrebbero Interessarti

Dal bresciano Roberto Legori un omaggio alla nostra città: il presepe con il castello di Lucera

redazione

Dialettando 159 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “PARE ‘NA MURARE”

redazione

Pillole Dialettali, Gocce di Memoria: l’acqua frezzante (L’acqua con le bustine)

Lino Montanaro

Angolo della poesia dialettale lucerina: ” ‘A DUMÈNECHE “, poesia di Gabriele Patruno

redazione

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “SO’ RREVÁTE I GGIOSTRE!”

Lino Montanaro