15.6 C
Lucera
5 Dicembre 2022
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Storia e Tradizioni Lucerine

Preghiera a Santa Maria Patrona

Santa Maria Patrona di Lucera
realizzazione siti web Lucera

Santa Maria Patrona,  per chi ha fede e anche per coloro che non credono, è il simbolo che da sempre unisce i lucerini sparsi nel mondo.
A Lucera c’è un legame speciale con la nostra Patrona ed essa è sempre stata costantemente presente nelle famiglie lucerine, che l’hanno sentita sempre vicina come una mamma premurosa alla quale affidarsi con l’invocazione di una protezione in occasione di terribili calamità naturali, epidemie, guerre, ma anche nella quotidianità fatta anche di malattie, disgrazie, ingiustizie. Anche al tempo coronavirus tutti noi lucerini, ovunque ci troviamo in questo momento, possiamo affidarci alla Sua intercessione con questa preghiera:

Preghiera a Santa Maria Patrona di Lucera
O Vergine Santissima, nostra Signora e Patrona.
Tu nel corso dei secoli hai difeso e assistito questa città,
e con essa i nostri padri, specialmente quando pieni di fiducia e di speranza,
a te ricorrevano nelle calamità pubbliche e nelle necessità private.
Anche noi oggi, seguendo il loro esempio, ricorriamo a Te e facciamo appello alla Tua materna bontà,
mentre Ti diciamo con tutto il cuore: Santa Maria Patrona nostra, salvaci.
A Te domandiamo la materna benedizione, unita a quella del Tuo figlio divino,
e benedetti sulla terra, possiamo meritare la benedizione finale nel cielo.
Amen

Santa Maria Patrona di Lucera

Potrebbero Interessarti

Anche a Lucera scatta il “daspo urbano”, non sarà più possibile consumare bevande alcoliche all’aperto nel centro storico

Michele Urbano

APS 5 Porte Storiche lancia il Progetto “Magna Civitas”

redazione

La tradizione del presepe lucerino a Brescia

Lino Montanaro

Quartetto con pianoforte per l’ultimo evento al Garibaldi di Lucera (Fg)

redazione

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “SI FFÁJE U BBRÁVE T’ATTACCÁTTE U PASCKARÍLLE!”

redazione

Sfogliando: “CUMBÀ CALMETE, CHE U CARCERE È FFETÉNDE”

redazione