8.4 C
Lucera
30 Novembre 2022
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Angolo della poesia dialettale lucerina Copertina

Angolo della poesia dialettale lucerina: ” ‘A MALA LÈNGHE”

realizzazione siti web Lucera

Lino Montanaro e Lino Zicca, hanno pensato di proporre all’attenzione dei lettori poesie dialettali di numerosi autori lucerini.

Queste, insieme a quelle dell’avvocato Enrico Venditti, costituiscono parte del patrimonio culturale della nostra città.

malelingue
Qui di seguito, la poesia “‘A MALA LÈNGHE“, poesia di Costantino Capatano.

A chi dac’e a chi prumètte,
da quella vocca èscene sajètte,
na ‘ndracchièra, ca nen se trovene paragge, come tèn’u core, tèn’a facce.
E’ n’attacch’e sciugghie, mascìale, di chi èja – èja dice male;
nen ce lasse manc’a Criste ‘nda Chestodeje, se trov’a tutte vanne pe destemoneje.
T’appizzeche, si – pe – no, na cammise de pèce, giuranne ca buscije nenne dice, frubbecejèje a straneje, parinte, amice, e tutte quante maledice.
Giure ch’à viste ‘a quella che tizeje e caje;
– mméce puverèll’a ‘ndò maje –;
u padre de quille è nu segnore, a mamme, na furretane, facève furore!
Mar’a chi ce capete sotte, nesciune fa passà lisce e mène botte; f
èmmene, ummene, a tutt’ngnure, s’enganne a cusciènza sènza pavure..

TRADUZIONE LA MALALINGUA
A chi da e a chi promette,
da quella bocca escono frecciate,
una pettegola di quelle che non si trovano nei paraggi, come ha il cuore, ha la faccia.
E’ una che provoca litigi, una strega , di chiunque parla male;
non ha rispetto neanche dell’ostia di Cristo nella teca, la trovi dappertutto come testimone.
Ti appiccica, inaspettatamente, una camicia di pece, giurando che bugie non ne dice, critica estranei, parenti, amici e di tutti dice male .
Afferma che ha visto quella con tizio e caio;
– invece poverina quando mai – il padre di quello è un signore, la madre, una contadina, di grande considerazione!
Guai a chi ci capita sotto, nessuno riesce a passarla liscia e da botte ;
donne, uomini, tutti ingiuria , inganna la sua coscienza senza paura..

COMMENTO
Una poesia bella, asciutta nel linguaggio e chiara nella sostanza, che parla della maldicenza. Il soggetto è la lingua, l’oggetto è il vizio antico del parlar male degli altri. Un tema difficile, esposto nello stile sobrio ed efficace di Costantino Catapano.


Una rubrica di Lino Montanaro e Lino Zicca

Potrebbero Interessarti

«In viaggio con Adele», nuovo film girato a Lucera con Alessandro Haber, Sara Serraiocco e Isabella Ferrari

redazione

Dialettando 191 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Ecco il calendario appuntamenti della nuova stagione concertistica Associazione Amici della Musica “Giovanni Paisiello”

redazione

Prove generali di Ryder Cup a Roma con il 79imo Open d’Italia: presente anche Lucera.it

Franco Bordin

Dialettando 179 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Dialettando 74 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro