L’elevata conflittualità non esclude lo stalking: a processo una donna di Lucera


LOGO“E’ capitato a troppi di subire atti persecutori, magari anche in condominio, e di sentirsi dire dalle Autorità di “non presentare la denuncia” , oppure di vedersi archiviare una querela perché esiste una situazione “già conflittuale” con la persona che ci ha fatto del male.

Ebbene, si è pronunciato in maniera contraria il GIP del Tribunale di Foggia, in un caso di stalking patrocinato dall’ AVVOCATA ANTONIETTA CLEMENTE, dello Studio legale “Di Gioia& Clemente AVVOCATI

Nel caso, verificatosi a Lucera (FG), il Pubblico Ministero aveva chiesto che il procedimento venisse archiviato, sostenendo che tra le parti c’era comunque una elevata conflittualità e che i vicini avevano contraddetto le accuse della querelante. “Ebbene, il GIP del Tribunale di Foggia, ha accolto le nostre obiezioni, ordinando al PM di procedere alla imputazione coatta della accusata per stalking: la donna andrà a processo”.

Il Giudice ha chiarito, infatti, che l’unico luogo deputato alla formazione e alla valutazione della prova è il dibattimento: è solo un giudice, in un processo, a poter valutare se chi ha denunciato sia o meno attendibile. Tanto più considerando che mentre la persona offesa ha sempre l’obbligo di dire il vero, all’accusato è concesso di mentire per difendersi.

Teniamolo a mente: gli agenti di polizia, e quindi il pubblico ministero, devono sempre raccogliere le nostre denunce, per poi andare a verificare la corrispondenza tra i fatti segnalati e una norma che potrebbe punirli.”

Commenta la notizia

commenti

Tags

Informazioni Autore
redazione

Redazione Lucera.it

Lascia un commento