25.1 C
Lucera
13 Aprile 2024
Lucera.it – Giornale Online sulla città di Lucera
Copertina Pillole Dialettali

Pillole Dialettali, Storie: Pe despìtte d’i fegghjòle, paghe ‘a tasse e nne me nzore

realizzazione siti web Lucera

A Lucera l’ironia germoglia facilmente, con tutti i suoi frizzanti sottintesi, anche su argomenti pericolosi, come quello cui si riferisce il detto richiamato , che venne coniato negli 30’ del secolo scorso per sfidare scherzosamente una delle iniziative più singolari del ventennio: LA TASSA SUL CELIBATO.

Per il governo dell’epoca, una popolazione numerosa era indispensabile per perseguire gli obiettivi di grandezza nazionale dell’Italia. Più popolazione significava più lavoratori e più soldati per affrontare lo scontro commerciale ed economico tra gli stati in atto in quegli anni, che lasciava intravedere sullo sfondo la guerra. Pertanto, venne attuata una politica demografica volta a favorire il matrimonio e la maggiore procreazione possibile.

In questo contesto lo status di “single” diveniva un ostacolo alla realizzazione di quella politica ; pertanto, il 13 febbraio 1927, in Italia, fu istituita l’imposta sul celibato, “ ‘A TASSE SÓP’I SIGNURÍNE “. Tutti i celibi di età compresa tra i 25 e i 65 anni, per fascia d’età e reddito, dovevano pagare una tassa che era composta da un parte fissa, – 70 lire per la fascia tra i 25 e i 35 anni, 100 lire fino a 50 anni, 50 lire fino ai 65, e una parte variabile rapportata al reddito del soggetto. Rimanevano esenti dal pagamento dell’oneroso tributo soltanto i grandi invalidi di guerra, i sacerdoti, gli interdetti ed i militari soggetti a ferme speciali.

Il gettito ottenuto era devoluto all’Opera Nazionale Maternità ed Infanzia, istituita nello stesso periodo per la tutela di madri e bimbi in difficoltà. Le aliquote della tassa vennero aumentati due volte: nell’aprile 1934 e nel marzo 1937.

In più entrarono in vigore particolari disposizioni governative di cui una riguardava soprattutto le assunzioni : ai celibi venivano preferiti i coniugati con prole.

Anche se il matrimonio è sempre stato, comunque, un “obbligo sociale”, a Lucera vi erano diversi scapoloni (signuríne), abituati a godersi la vita in modo libero, che furono costretti o a pagare la tassa od a convolare a giuste nozze. Anche per evitare insinuazioni ,spesso, messe in giro ad arte alimentate proprio dalla condizione di celibe.

Non era prevista la tassa sul nubilato poiché il regime riteneva soltanto gli uomini colpevoli della mancanza di nascite.

Tutte queste iniziative non portarono a grandi risultati, probabilmente, sia per gli effetti della Grande Depressione del 1929, sia per l’elevato tasso di mortalità infantile, causato alla povertà.

La tassa venne soppressa , dopo l’armistizio, nel settembre del 1943.

Potrebbero Interessarti

Sfogliando – Detti e Contraddetti…così per dire: “À FATTE ‘A FINE SSCIALLÈTTE”

redazione

VII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C | commento al Vangelo Domenicale di Don Arturo Di Sabato

Don Arturo Di Sabato

Dialettando 242 – Modi di dire Lucerini

Lino Montanaro

Dialettando – “A Lucera si dice 34”, parole e locuzioni che non vengono, o quasi, più usate nel dialetto corrente

Lino Montanaro

Pillole Dialettali, Personaggi: Mario Ferrone

Lino Montanaro

Apre a Lucera la scuola di musica “Drumming Meridionale”

redazione